IL MAGAZINE SUL CICLO DI VITA DELLA COPPIA

 

Fecondazione assistita, tempi di attesa nei centri pubblici

Tempi di attesa per accedere alla fecondazione assistita nei centri pubblici specializzati italiani: più si scende lungo lo stivale e più si allungano. Si va dai 18 mesi in Sicilia (anche se è necessario solo un mese di attesa per una prima visita ginecologica per infertilità) all’accesso rapido della Toscana, fino alla Calabria, dove entrambe le liste sono bloccate. I dati, anticipati da Adnkronos Salute, sono presentati a Sabaudia (LT), in occasione della nona edizione de ‘Le Giornate di Andrologia e Medicina della Riproduzione’, in programma giovedì 8 e venerdì 9 ottobre 2015, ed emergono da un’indagine condotta all’interno dei principali centri di sterilità pubblici in Italia.

ivf_science-2bekyv3A condurre il lavoro, studenti della Facoltà di Medicina dell’Università Sapienza di Roma, coordinati da Rocco Rago, presidente del congresso e direttore del rinnovato centro di sterilità dell’ospedale Sandro Pertini di Roma. Obiettivo, avere un’idea realistica dell’attuale livello di assistenza e soprattutto dei tempi di accesso per l’esecuzione di una tecnica di Pma di II livello, la cosiddetta Fivet o Icsi, nel nostro Paese.

Ebbene al Nord, la media per macroregione è di circa 3 mesi di attesa per la prima visita e di 5 mesi perl’esecuzione di una tecnica di Pma. I tempi più brevi si riscontrano nella virtuosa Val D’Aosta, con i suoi 2 mesi per accedere alla prima visita e nessuna attesa per le tecniche di Pma. Sempre al Nord, tra i tempi più lunghi quelli delVeneto con 15 mesi di attesa e la Liguria con 12. Al Centro, l’offerta più rapida è in Umbria (1 mese per la prima visita nell’unico centro pubblico presente e 6 mesi per le tecniche di Pma di II livello). Regione virtuosa la Toscana, con i suoi 3 mesi di attesa media per la prima visita e ben 2 centri su 3 con nessuna lista d’attesa per accedere alle tecniche di Pma.

Una disamina a parte merita invece il Lazio: innanzitutto, non tutti i centri pubblici presenti nel Registro Pma dell’Istituto superiore di sanità effettuano tecniche di II livello e questo influenza i risultati dell’indagine. A ogni buon conto, è emerso (a venire contattati telefonicamente sono stati i centri di prenotazione unica) che i tempi medi d’attesa per il Lazio sono di 1 mese per ottenere una prima visita ginecologica e di 10 mesi per poter invece accedere alle tecniche di Pma di II livello.

Fra le Regioni virtuose anche Emilia Romagna (3 mesi per la prima visita, 3 mesi per accedere concretamente alle tecniche), mentre a sopresa in Friuli occorrono 3 mesi per la prima visita e ben un anno per provare concretamente ad avere un bimbo con la Fivet. In Basilicata si attendono 2-3 mesi nel primo caso e 5 nel secondo; nelle Marche un mese per le prime visite e 8 per accedere alle tecniche di II livello. In Abruzzo rispettivamente 2 e 7 mesi, in Campania 4 e 12, in Lombardia 3 e oltre 8 mesi.

 

Fonte © Adnkronos

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *