Cosa conta davvero per crescere un bambino

  1. Homepage
  2. Coppia e figli
  3. Cosa conta davvero per crescere un bambino
Cosa conta davvero per crescere un bambino

Cosa conta davvero per crescere un bambino

Siete appena usciti dalla sala parto, e già un nugolo di nonni, zii, conoscenti e persino sconosciuti si sente in dovere di donarvi le proprie perle di saggezza. "Non tenere il bambino in braccio che lo viziate!", "Guai a farlo dormire nel lettone!" e poi biberon sì, biberon no, il bagnetto come e quando, il berrettino in lana o in cotone, i compiti della mamma e quelli del papà… in una serie infinita di suggerimenti e avvertenze. Per non parlare poi di quando sentite le fatidiche mezze frasi dietro porte socchiuse in cui i vostri metodi con il pupo o la pupa vengono criticati ferocemente.

Ma esiste davvero una ricetta infallibile per crescere i propri figli? Un insieme di regole e comportamenti che li farà diventare bambini sereni, adolescenti con un numero di problemi tutto sommato contenuto e adulti equilibrati?

Be', a quanto pare sì. Un bel giorno "Una Mama Practica" (è il nome del profilo Facebook di Jaione Yabar, una professoressa universitaria spagnola che da tre anni fa la blogger), ha raccolto una serie di frasi sentite migliaia di volte riguardo l'educazione dei figli e trovato una conclusione talmente vera nella sua semplicità da raccogliere oltre 26.000 "Mi piace" e 15.000 condivisioni. Leggere per credere.

Foto del diario Una Mama PracticaLa cosa migliore da fare non è dargli il seno.

E nemmeno il biberon.

La cosa migliore non è prenderlo in braccio.

E nemmeno non prenderlo.

La cosa migliore non è stenderlo a pancia in su o in giù.

Né coprirlo in un certo modo.

E nemmeno in un altro.

La cosa migliore non è vestirlo così.

E nemmeno cosà.

La cosa migliore non è dargli le pappe.

La cosa migliore non è dargli pezzetti di cibo.

Il consiglio migliore non è quello di tua madre.

E nemmeno quello della tua amica.

La scelta migliore non è la baby sitter.

La scelta migliore non è l'asilo nido, e nemmeno lasciarlo ai nonni.

Non è meglio questo stile educativo.

E nemmeno quell’altro.

Sai qual è davvero la cosa migliore?

LA COSA MIGLIORE SEI TU.

La cosa migliore è quella che ti fa sentire meglio.

La cosa migliore è quella che ti suggerisce il tuo istinto.

La cosa migliore è quella che aiuta anche te a stare meglio.

La cosa migliore è quella che ti permette di essere felice con la tua famiglia.

Perché se tu stai bene, loro hanno il meglio.

Perché il meglio sei tu.

Perché se tu ti senti sicura, anche loro si sentono sicuri.

Perché se tu credi di fare le cose al meglio, trasmetti loro la tua tranquillità e felicità.

PERCHÉ IL MEGLIO SEI TU.

Smettiamola di dire alle madri e ai padri cos'è meglio.

PERCHÉ, DAVVERO, IL MEGLIO PER I TUOI FIGLI SEI TU.

L'autrice ha scritto questo post dopo aver letto in rete l'ennesima polemica sull'uso del biberon. "Spesso le persone commentano sulla base di pregiudizi e senza conoscere la situazione che hanno di fronte. Io stessa ho potuto allattare la mia prima figlia, ma non la seconda" spiega l'autrice. "Non mi aspettavo il successo di questo post, ma evidentemente intercetta un sentimento diffuso" continua. "Mi ha fatto un enorme piacere vedere la quantità di commenti ricevuti, ma soprattutto il fatto che molti uomini inviassero il post alle loro compagne, come a dire loro: "La cosa migliore che potesse capitare a nostro figlio sei tu"."

 

Eleonora Cadelli
Author Avatar

About Author

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.