IL MAGAZINE SUL CICLO DI VITA DELLA COPPIA

 

Single sì, finché non è arrivato lui…

Questa è la mia storia, la racconto in poche righe anche se riporta la vita di molti anni. Anni da single, donna sola e fiera di esserlo… fino a quando non ho (ri-)incontrato lui.

Tutto iniziò dopo la mia esperienza Erasmus in Spagna. Sfido chiunque a tornare a Lecce dopo un viaggio del genere, in un posto stupendo per ben 9 mesi… dico Lecce la cittadina di 20 anni fa, non quella di oggi, una delle città più conosciute in Italia e tra i set cinematografici più ambiti.

Il mio morale era a terra, non ne volevo sapere di andare in giro ma le mie amiche mi convincono ad uscire. Io ero in stile “brontolona” ma quella sera, in coda al bar di un locale, per caso, quasi uno scontro da film, ho incrociato il suo sguardo. Lui  mi dice “Sorry!” ed io, con aria un po’ scocciata rispondo “Sorry what? Pay attention!!”

Ricordo i suoi dolci occhi a mandorla fissi su di me mentre si avvicina e mi chiede di farsi perdonare “Ti offro da bere”. Due chiacchiere e poi la sua bella faccia tosta di chiedermi il numero… Meno male che avevo  già il cellulare! A quei  tempi vi immaginate un americano che chiama a casa mia?

Da quel momento viviamo dei mesi bellissimi, io una ranocchietta di 1 metro e 60 e lui un vigile del fuoco dell’aeronautica militare americana alto 1,85…. Mi faceva sentire veramente una principessa. Purtroppo il 17 febbraio del 1997 è dovuto partire e andare in una base in Giappone. Non so come descrivere le telefonate con il fuso orario completamente sballato tra Lecce e Tokyo… Abbiamo resistito due anni senza mai poter riuscire a vederci. Per fortuna esistevano già le email (una rivoluzione!). Io andavo avanti  a carte internazionali telefoniche ed email e naturalmente pacchi a non finire che ci impiegavano l’eternità ad arrivare.

Dal 1997 non ci siamo mai persi di vista ma nello stesso tempo abbiamo vissuto la nostra vita, non mancavano mai gli auguri per i nostri compleanni e alle feste “comandate”. Io sapevo sempre dov’era in missione e nel periodo in cui è stato inviato in Iraq è stata una tortura. Ogni volta che si sentiva in tv di un attentato o una bomba ad un convoglio americano ero lì a controllare se vi fosse il suo nome o se era disponibile su skype.

Prima di  partire nel 1997 disse una frase che mi colpì molto “I will come to marry you, one day!” e al telefono mi ripeteva sempre “I will be back, don’t worry…”

La storia a distanza mi piaceva ma ormai mi sembrava ovvia la mia vita da single. Quasi rassegnata, arriva il mio quarantunesimo compleanno, il 7 ottobre del 2013, e tornando a casa dal lavoro trovo un vaso con dei  fiori bellissimi ed un bigliettino. È lui che mi dice di aver deciso di smettere con la vita militare, le sue missioni in Iraq e altri luoghi di guerra, e mi chiede se può venire a Lecce per le vacanze di Natale… Per rivederci! D’impulso ho risposto di sì e lui dopo pochi giorni aveva già prenotato il volo. Arrivato a Lecce il 27 dicembre 2013 è stato come se fosse partito l’altro ieri, invece che 16 anni prima. Nulla era cambiato, a parte le nostre rughe.

Ci siamo sposati il 29 gennaio 2015 con rito civile ed il 18 giugno 2015 con rito cattolico. Siamo ancora divisi e viaggiamo molto ma siamo marito e moglie e ci amiamo alla follia.

Sembra una sceneggiatura di un film  ma non lo è! Ovviamente non è stato facile anzi ci vuole forza di volontà per far accadere le cose. Nessuno se lo aspettava e soprattutto una single convinta come me!

 

Adriana Carluccio Hasher

 

Leggi un’altra appassionante Storia di Noi2 La nostra storia, sotto la lettera M



Adriana Carluccio Hasher

Nata a Lecce nel 1972, ma cittadina del mondo da sempre. Ho una passione smodata per le lingue straniere e adoro viaggiare. Nel 2015 mi sono sposata con un vigile del fuoco americano quindi ora vivo un po’ in Italia un po’ in Usa. Adoro i bambini anche se ancora non è ho, ma non è mai troppo tardi! Lavoro in un’azienda informatica e non mi annoio. La mia passione in assoluto è la danza classica, l’arte e lo spettacolo.


4 thoughts on “Single sì, finché non è arrivato lui…

  1. Stefania

    oddio non consocevo questa storia così bella….mi sono commossa!!!!! la vita ti sorprende sempre quando meno te lo aspetti cara Adriana Hasher.

    Reply
  2. Emanuela

    Ma è bellissimaaaaaa…mi sono emozionata ti auguro DAVVERO Tt il bene di questo mondo , sei stata “premiata”perché te lo meriti ☺️☺️

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *