IL MAGAZINE SUL CICLO DI VITA DELLA COPPIA

 

Perché sono single… se non voglio esserlo?

maxresdefaultL’amore è imprevedibile: a volte ha un tempismo pessimo, altre assume le sembianze di una rana (e non bastano “mille baci e ancora cento” per tramutarla in principe) e altre ancora… non si presenta proprio alla nostra porta. Non tutti lo cercano, è vero, ma esiste una buona percentuale di popolazione che non trova risposta a un’angosciosa domanda: perché sono single se non desidero altro che trovare la mia dolce metà? Spesso la risposta che ci diamo ha a che vedere con una fantomatica “sfortuna” nelle relazioni, eppure in questi casi la sorte c’entra poco e niente. In realtà i fattori che condizionano la nostra ricerca dell’amore sono errori molto comuni e (finalmente una buona notizia!) con un po’ di lavoro su noi stessi è possibile rimediare.

  1. Mancanza di fiducia in se stessi

La fiducia in se stessi e l’autostima sono fattori chiave per rendersi attraenti; mostrarsi (o meglio, essere) sicuri di sé è uno dei sistemi migliori per sedurre. Insomma, il segreto per essere desiderati è sentirsi desiderabili.

  1. Aspettarsi risultati diversi facendo sempre le stesse cose

Esci tutti i fine settimana ma non conosci mai nessuno di interessante? Forse il problema è che frequenti sempre gli stessi posti e le stesse persone. Prova a cambiare aria e a seguire i tuoi interessi (dallo sport alla cucina, dallo yoga alla pittura): l’ambiente sarà più stimolante e pieno di persone simili a te.

  1. Essere scollegati dalla realtà

Il tuo sogno è trovare una persona attiva e spumeggiante… ma la tua attività preferita è poltrire sul divano? Tieni i piedi per terra e accetta l’idea di non poter piacere a una persona troppo diversa da te. Impegnati a cercare qualcuno con cui possa scattare l’affinità, anche se non corrisponde al tuo (irrealizzabile) ideale.

  1. Esporsi troppo presto

Non sforzarti di dare tutto al primo appuntamento e conserva l’artiglieria pesante per il momento opportuno: all’inizio l’importante è conoscersi e stabilire una connessione, anche superficiale. Per i temi profondi e i massimi sistemi c’è sempre tempo!

  1. Ignorare le informazioni che ricevi

Tutti parliamo di ciò che cerchiamo, anche senza dirlo direttamente. Durante i primi incontri bisogna stare molto attenti a ciò che ci comunica l’altra persona per capire se è alla ricerca di una relazione lampo o di qualcosa di più duraturo. Una volta appurato, comportati di conseguenza.

  1. Cercare un partner per egoismo

C’è chi cerca un partner solo per avere figli o per non sentirsi in imbarazzo in mezzo agli amici accoppiati. Queste motivazioni sono puramente egoistiche e non portano da nessuna parte: prima di cercare la propria metà, è meglio risolvere questi problemi da soli per evitare che la relazione sia solo di facciata e generi sofferenze inutili.

  1. Non rispettare in tempi della relazione

Per raggiungere una relazione soddisfacente bisogna darsi il tempo di conoscersi e non bruciare le tappe per arrivare al più presto a un obiettivo prefissato, che sia la convivenza, il fidanzamento, il matrimonio o quant’altro. Accelerare i tempi può essere controproducente, perché mette molta ansia e pressione al partner e rischia di farlo scappare. La soluzione? Vivere la relazione con calma e naturalezza, poco a poco, senza porsi obiettivi importanti a breve termine.

  1. Avere paura

Molto spesso le persone si auto sabotano per non provare dolore. Le brutte esperienze del passato, la paura del rifiuto o dell’abbandono possono costituire un ostacolo al momento di aprirsi all’amore e dare fiducia a un’altra persona. Sono sentimenti comuni, ma bisogna sforzarsi di superarli, perché le esperienze negative non devono impedirci di viverne di nuove e soddisfacenti.

Perciò supera le tue barriere, esci dal guscio, tieni i piedi per terra e… quando meno te l’aspetti l’amore busserà alla tua porta!

 

Eleonora Cadelli

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *