L’ex sempre in testa… che fare?

  1. Homepage
  2. Professionisti della coppia
  3. Psicologo
  4. dott. Maurizio Sgambati
  5. L'ex sempre in testa... che fare?
L’ex sempre in testa… che fare?

L’ex sempre in testa… che fare?

Pensare continuamente all'ex è fisiologico quando ci si è lasciati da poco, ma quando i pensieri diventano disturbanti ed ossessivi e non si riesce a lasciare il passato alle spalle allora dobbiamo fare i conti con delle dinamiche interne ben precise:

  • Non sentirsi degno d'amore. Queste persone fanno i conti con la sensazione di rifiuto e si struggono a lungo evitando di lasciarsi andare ad una nuova relazione per proteggersi da ulteriori rifiuti

  • Sfiducia nella capacità degli altri di corrispondere il loro bisogno di amore. Queste persone si impegnano in molteplici attività autonome per non trovarsi invischiati in alcun nuovo rapporto. Rimanere ancorati all'ex o ad un partner passato idealizzato in fantasia permette loro di non essere nuovamente delusi o feriti


Per determinare quale fra queste due motivazioni ci impedisce di superare un amore passato è sufficiente porsi la seguente domanda: Cosa immagino mi accadrà se mi apro ad una nuova relazione come ho fatto nel rapporto con la/il ex partner?

Una risposta onesta vi dirà qual è il motivo che vi impedisce di superare il lutto della fine di una relazione d'amore.

canstock27058211Nel primo caso, per superare il blocco è necessario fare esperienza di relazioni positive in cui si viene apprezzati e riconosciuti concentrandosi primariamente su amici, parenti o altre persone significative. Concedetevi di accogliere, anziché rifiutare, riconoscimenti verbali ed apprezzamenti. Inoltre, permettete loro di aiutarvi a rivalutare il vostro precedente rapporto di coppia in modo da sfidare la tendenza a confermare che il fallimento è avvenuto solo per causa vostra. Potranno aiutarvi a vedere che il vostro precedente partner non era poi così perfetto come ricordate, non corrisponde all'immagine di lui/lei che avete idealizzato. Vi aiuteranno a ripercorrere i fatti salienti della relazione di coppia e ad individuare i segnali dei problemi che quella relazione aveva sin dal principio e che alla lunga ne hanno determinato il fallimento.

È importante osservare e valutare in modo più "oggettivo" e diverso la relazione passata in modo da prepararsi a vivere un nuovo rapporto con maggior consapevolezza:

  • Chi ero prima di quella relazione?

  • Che aspettative avevo?

  • Cosa ho imparato attraverso quella relazione? Quale contributo ho apportato?

  • Cosa voglio/non voglio da una nuova relazione?


Il focus andrà messo quindi sui bisogni da soddisfare e che sono emersi anche per mezzo della relazione fallita in passato più che sulla aspettativa di fallire nuovamente.

Nel secondo caso, è probabile che continuare a procrastinare su fantasie in cui è coinvolto l'ex partner vi serva a proteggervi da future ed ulteriori delusioni. Questa posizione di estrema autonomia però è il prezzo della vostra solitudine. È proprio questo ciò che volete realmente? Chiedetevi se siete davvero sicuri di stare bene con voi stessi o se in verità sentite la mancanza di una relazione intima.

È vero che per avere un rapporto serio è necessario trovare qualcuno di adatto e per il/la quale vale la pena aprirsi e rischiare. Tuttavia è necessario continuare a dare fiducia poiché se continuerete ad alimentare dubbi, sfiducia e scetticismo verso il prossimo difficilmente darete la possibilità a qualcuno di farsi avanti e di conoscerlo per ciò che è, senza fare paragoni.

Per mettere l'ex in soffitta allora, bisogna fare un lavoro di revisione interna, durante il quale è consigliato portare a galla le motivazioni reali per cui non si riesce a tornare a vivere nel presente.

 

Maurizio Sgambati

Per approfondimenti e altri articoli specifici del dott. Sgambati visitate il sito www.psicologo-psicoterapeuta-pordenone.it

 

Ti può interessare anche:

free_climb_1
Filofobia, la paura di innamorarsi


FAEVFTT6YM-735x400_1
Hai fiducia in me?


 
Author Avatar

About Author

Psicologo Psicoterapeuta ed Analista Transazionale Certificato. Effettuo attività di consulenza psicologica e psicoterapia come libero professionista in privato privilegiando le problematiche del singolo adulto. Collaboro con alcune associazioni di promozione sociale offrendo formazione e supervisione professionale. Per Noi2 Magazine scrivo articoli di taglio psicologico riguardanti il mondo delle relazioni.

1 Comment

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.