Il mito del “bello e dannato”

  1. Homepage
  2. Professionisti della coppia
  3. Psicologo
  4. dott.ssa Antonella Besa
  5. Il mito del "bello e dannato"
Il mito del “bello e dannato”

Il mito del “bello e dannato”

[quote]E poi, e poi se un uomo sa di fumo, ma sì, ma sì è veramente un uomo

E ti amerò finché vorrai, proprio perché sei così

Un uomo (è un uomo), quando sa (di fumo)

E un bacio vale dieci dato da te

(Mina)[/quote]

 

È idea comune che se si chiede ad una donna quali sono le caratteristiche che dovrebbe avere il suo uomo ideale, con ogni probabilità risponde che lo vorrebbe divertente, dolce, romantico, gentile, ma che accada poi che scelga di uscire con un "bad boy" e di lanciarsi nella sfida della sua conquista. Questa idea è così diffusa che c'è chi fa soldi scrivendo manuali su come insegnare agli uomini a trattare male le donne.

Cerchiamo di capire se questo mito del "bello e dannato" sia reale o sopravvalutato.

Un recente articolo pubblicato nel febbraio 2016 in Evolutionary Psychology dall'Università di Ghent in Belgio, dimostra che comportamenti rischiosi per la salute, come bere alcolici e fumare, siano utilizzati dai giovani uomini come strategia vincente per attirare le ragazze  (per leggere l'intero articolo clicca qui). È davvero vero che le donne preferiscono i cattivi ragazzi (leggi: insensibili, cretini, machi)? Diamo uno sguardo ad alcune affidabili prove scientifiche.

Cosa cercano le donne in un uomo?


Una ricerca è andata a verificare se una donna avrebbe preferito dare appuntamento ad un "bravo ragazzo" o ad uno "bello e dannato". Ai partecipanti veniva chiesto di scegliere chi vorrebbero far incontrare a Susanna (una donna fittizia) e chi incontrerebbero loro stessi fra tre ipotetici uomini che hanno tre personalità differenti. In base a delle domande che suggerivano a Susanna emergevano tre tipologie di ragazzi:

numero 1 - bello, gentile ed in contatto con i suoi sentimenti

numero 2 - si autodescriveva come un "vero uomo", insensibile e crudele

numero 3 - dava risposte “neutre”

Contrariamente allo stereotipo che i bravi ragazzi finiscono per ultimi, in realtà è stato proprio la persona numero 1 ad essere stata scelta più frequentemente sia per Susanna che per i partecipanti stessi.

In un altro studio, nel quale i partecipanti leggevano annunci di incontri, sceglievano di incontrare le persone che avevano menzionato l'altruismo come qualità, mentre non venivano scelti coloro che venivano percepiti come aggressivi o esigenti.

Il quadro che emerge è chiaro: quando le donne valutano partner ipotetici, chiaramente preferiscono i "bravi ragazzi". Quindi il potere della gentilezza non è da sottovalutare. Essere una bella persona va ad influenzare anche la valutazione sull'attratività fisica in senso positivo: caratteristiche quali il calore, la gentilezza, ed il decoro sono valutati positivamente da donne e uomini. Possedere queste qualità rende l'ipotetico partner più desiderabile, ma anche maggiormente attraente.

Perché allora troviamo i belli e dannati attraenti?

I narcisisti (perché di questo si parla) - ossia persone che si percepiscono come molto importanti, superiori, e che sono arroganti, sfruttatori ed egoisti - sono spesso percepiti come molto attraenti nei primi incontri. Ciò accade in quanto sono persone che si sono dedicate molto al loro aspetto esteriore e al modo di approcciare gli altri.

Cosa cercano gli uomini in una donna?


Nel breve periodo i narcisisti possono sembrare persone equilibrate, divertenti e molto affascinanti, ma sul lungo periodo, non riescono a far durare l'impressione favorevole e tendono ad essere percepiti come poco equilibrati, freddi, ostili ed arroganti. Non sorprendentemente, dalle ricerche emerge che ai narcisisti non piacciono le relazioni a lungo termine e che non riescono bene in queste. Nonostante alcune persone perseverino nell'incontrare belli e dannati, nella maggior parte dei casi le ricerche dimostrano che le donne preferiscono come partner belle persone e disdegnano i machi.

Il mito del bello e dannato sembra essere a fine corsa, a parte andare contro le prove scientifiche, sembra compromettere la possibilità di formare relazioni significative. Perpetuare questo mito, non solo crea delle aspettative ingannevoli su come dovremmo comportarci, ma comportarsi come prescrive il mito può danneggiare le relazioni.

Alla fine, lo stereotipo che le donne vogliono i cattivi ragazzi serve solo a permettere ad alcuni uomini di odiare e prendersela con le donne, come modo per spostare l'attenzione dai loro insuccessi nel creare e portare avanti una relazione. Quindi se stai cercando un aiuto dalla scienza, è molto semplice: sii una brava persona!

Post scriptum

La riflessione che mi viene da fare, ma che è basata solo sull'esperienza lavorativa, è che le giovani donne cercano e si lasciano affascinare maggiormente dai "belli e dannati", forse appunto per ricalcare alcuni stereotipi che l'amore deve far soffrire e che solo con il sacrificio si dimostra all'uomo in questione che si è veramente degne del suo amore. Nella maggior parte dei casi, le relazioni che si creano sono brevi e servono per fare esperienza. In seguito, quando una donna cresce, cerca un uomo più solido ed affidabile per creare una relazione stabile. Esce in questo modo dal mito del "bello e dannato" per assicurarsi una vita a due felice e duratura.

 

 

dott.ssa Antonella Besa

Per conoscere l’attività della dott.ssa Besa visitate il sito www.psicologo-sessuologo-pordenone.com

 

 

 

Della dott.ssa Besa leggi anche:

k-bigpic3-600x350
Tradimento #6: il sospetto


Couple sitting on a jetty
Tradimento #9: restare insieme dopo l'infedeltà
Author Avatar

About Author

Psicologa, Psicoterapeuta e Sessuologa. Per lavoro mi occupo di problematiche della coppia nel mio studio a Pordenone (Studio di Psicologia e Sessuologia Dott.ssa. Antonella Besa). Per Noi2 Magazine mi occupo di fare cultura e informazione sull'universo coppia.

1 Comment

  • Posted on Ago 08, 2016 at 15:42 pm

    […] per trasgredire “Volendo si può fare” Virilità a rischio bevendo bibite gassate Il mito del “bello e dannato” Essere genitori: hit list delle trasgressioni “Vorrei ma non posso” Divorzi […]

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.