Genitori severi, bambini bugiardi

  1. Homepage
  2. Coppia e figli
  3. Genitori severi, bambini bugiardi
Genitori severi, bambini bugiardi

Genitori severi, bambini bugiardi

Siete genitori rigorosi e severi, oppure permissivi e benevoli?

Se vi riconoscete nel primo dei due casi, c'è una novità non tanto felice per voi: avrete figli bugiardi. Lo dice proprio la scienza, che a tal proposito ha condotto una ricerca condotta da Victoria Talwar, esperta di sviluppo socio-cognitivo dei bambini presso la McGill University di Montreal in Canada. La dott.ssa Talwar sostiene che essere genitori molto rigorosi tende a provocare nel bambino reazioni tali da renderlo abilissimo nell'inganno. Se infatti il clima di casa sarà quello punitivo per ogni marachella combinata dai pargoli, questi imparano in modo estremamente rapido a mentire proprio per sfuggire da eventuali restrizioni o castighi.

A lezione di bugie: riconoscerle in 10 passi


La ricercatrice e i suoi colleghi hanno progettato un test per identificare giovani bugiardi chiamato "Peeping Game". Il test è stato svolto in due diverse scuole, in una il regime degli insegnanti era particolarmente duro, nell'altra il sistema di approccio agli studenti era più rilassato. È stato chiesto agli alunni di indovinare, senza guardare, quale oggetto stava facendo rumore dietro di loro. Durante l'esperimento, il supervisore lasciava la stanza e al suo ritorno, faceva due domande ai bambini: qual era l'oggetto rumoroso e se avessero sbirciato. La dott.ssa Talwar ha scoperto che nella scuola con regime meno rigido il numero di bambini bugiardi e sinceri corrispondeva alla media già monitorata in altre realtà. Gli alunni della scuola più rigorosa, invece, sono risultati più bugiardi ed estremamente rapidi ed efficaci nel sbirciare l'oggetto senza farsi beccare dal supervisore.

L'esito del test ha riportato quindi che temendo una punizione, i bambini diventano bravi ed astuti nel deformare la verità a loro vantaggio.

In ogni caso, si sa che mentire non è necessariamente una cosa negativa e quando i bambini mentono, non è un segno ovvio che stanno percorrendo la strada della delinquenza. Lo studio evidenzia il dato importante che la capacità di mentire per sfuggire alla severità è un segno che si stanno sviluppando importanti competenze psicologiche.

Sono stati riconosciuti nel bambino forti legami tra capacità cognitive e capacità di ingannare. Questo dimostra la sua propensione al pensiero non lineare e la buona memoria di lavoro nel momento in cui riesce a sostenere le bugie per un periodo medio lungo.

Secondo Talwar e i suoi colleghi, i bambini cominciano a dire bugie primarie già intorno all'età di due anni. Le frottole in questo caso sono semplici, poco convincenti e sono finalizzate a nascondere piccole marachelle che non coinvolgono direttamente il genitore. Con quattro anni di età cominciano a comparire le bugie ​​secondarie: queste si possono definire "personalizzanti" in quanto si adattano alla personalità, comportamento e mentalità dell'accusatore. Sono quindi più plausibili delle bugie primarie. All'età di sette o otto anni i bambini iniziano a sperimentare le bugie terziarie. Le bugie si fondono con i fatti con il fine di creare storie credibili.

Quanto prima queste fasi appaiono nel bambino, tanto più è probabile che il bimbo sia più intelligente rispetto alla media. Mentire è un segno efficace di intelligenza emotiva, un aspetto della parola e del linguaggio del corpo che comporta un certo grado di manipolazione empatica, di intuizione machiavellica.

Ora sta ai genitori saper gestire questo tipo di attitudine, dosando nel modo migliore severità e permissività. L'importante è far capire al bambino che mentire porta un vantaggio momentaneo e alla lunga può diventare dannoso. Insomma, le bugie hanno le gambe corte.

 

Martina Dell'Osbel

 

 

Leggi anche:

paar-bett-toepfchen-t
Genitori a confronto. #sonounamammanonsonounasanta


14796202_ml-1024x683
7 trucchi per superare la sindrome da rientro
Author Avatar

About Author

Sono laureata in Relazioni Pubbliche e Pubblicità ed fatto ho un Master in Diritto dell'ambiente. Ho sempre lavorato nell'ambito della comunicazione come: speaker radiofonica, corrispondente per delle testate, formatrice. Il mondo della scrittura mi ha da sempre affascinata! Sono felice di poter scrivere degli articoli per la redazione di Noi2 Magazine...così potrò mantenere viva la mia passione!

1 Comment

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.