Pillola anticoncezionale e depressione

  1. Homepage
  2. Attualità
  3. Pillola anticoncezionale e depressione
Pillola anticoncezionale e depressione

Pillola anticoncezionale e depressione

tan-nhang-13Un nuovo studio danese ha condotto una ricerca sulle donne che utilizzano regolarmente il tipo più comune di pillole contraccettive (esattamente il 23% di loro) e ha riscontrato in queste maggior probabilità rispetto a chi non prende la pillola di dover utilizzare farmaci antidepressivi. Per avanzare questo dato sono state interpellate oltre 1 milione di donne danesi di età compresa tra 15 e 34 anni e un tempo di ricerca lungo per 13 anni. Sono molteplici le forme di contraccezione femminile prese al vaglio dall'Università di Copenaghen, non solamente il tipo più comune di pillola. Sono partiti dalla pillola progestinica (la normale pillola anticoncezionale), che sembra aumentare il rischio di utilizzo di antidepressivi del 34 %. L'utilizzo del sistema IUS (la spirale, un dispositivo flessibile di piccole dimensioni, a forma di T, dotato di un serbatoio contenente l'ormone progestinico e inserito dal ginecologo nell'utero) aumenta il rischio al 40%. Per chi utilizza l'anello vaginale il rischio è stimato al 60 %. Infine, il valore più significativo deriva dall'utilizzo del cerotto contraccettivo che aumenta il rischio di ricorrere ad antidepressivi fino al 100%.

Il campione analizzato prende in considerazione anche la fascia di età tra i 15 e 19 anni, che rivela risultato il più critico poiché hanno un'allarmante probabilità (ben dell'80%) di incorrere nell'utilizzo di farmaci antidepressivi. Il dottor Ojvind Lidegaard, professore clinico in ostetricia e ginecologia presso l'Università di Copenaghen, ha dichiarato in un comunicato stampa che è necessario comprendere, al di là di tutti i benefici, quali rilevanti effetti collaterali abbiano gli ormoni esterni assunti attraverso la pillola, compreso il rischio di depressione.

woman-with-depression_1600x900msLa ricerca, pubblicata sulla rivista JAMA Psychiatry, spiega come non ci siano prove chiare per affermare che pillola e depressione siano direttamente collegate, e che quindi andrebbero fatti degli studi più approfonditi per avere dei dati più certi e specifici. Comunque gli effetti collaterali fisici dell'utilizzo della pillola sono ormai ben noti e questa ricerca fa un passo avanti, trovando un collegamento tra il metodo contraccettivo e potenziali problemi di salute mentale.

Inoltre bisogna far notare che questo studio non vuole sostenere che la pillola non sia una buona forma di contraccezione, anzi. Si tratta di uno dei metodi più efficaci con una sicurezza garantita al 99% se presa in modo corretto. È possibile inoltre che altri fattori, tra cui le preoccupazioni per la gravidanza, per esempio, possano portare all'utilizzo di antidepressivi.

Il messaggio da cogliere è che le persone dovrebbero essere informate circa i potenziali effetti collaterali dei loro farmaci, compreso il rischio di depressione: un grave disturbo che viene spesso trascurato e che colpisce più di 350 milioni di persone in tutto il mondo. Anche se era visto in passato come psichiatrico, determinato da cause ambientali, molti studi attuali stanno dando credito alla teoria che potrebbe esserci anche delle cause biologiche legate alla genetica ereditaria.

Si evidenzia, inoltre, che al giorno d'oggi l'onere della contraccezione grava ancora di gran lunga sulle donne rispetto a quanto non pesi sugli uomini, e che molto più lavoro deve essere fatto per eliminare questo ingiusto squilibrio.

 

Martina Dell'Osbel

 

Leggi anche:

weight loss surgery-Tylu
Virilità a rischio bevendo bibite gassate


landscape-1436988921-condom-on-a-banana
Sesso sicuro e preservativo
Author Avatar

About Author

Sono laureata in Relazioni Pubbliche e Pubblicità ed fatto ho un Master in Diritto dell'ambiente. Ho sempre lavorato nell'ambito della comunicazione come: speaker radiofonica, corrispondente per delle testate, formatrice. Il mondo della scrittura mi ha da sempre affascinata! Sono felice di poter scrivere degli articoli per la redazione di Noi2 Magazine...così potrò mantenere viva la mia passione!

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.