Mio marito è gay

  1. Homepage
  2. Coppia
  3. Mio marito è gay
Mio marito è gay

Mio marito è gay

Al giorno d'oggi, tempi in cui l'omosessualità sembra essere sdoganata, cresce il numero di partner che in una coppia etero, magari con matrimonio e figli alle spalle, deve affrontare il coming out di uno dei due. "Le fate ignoranti" di Ferzan Ozpetek non ci hanno insegnato nulla? Era il 2001 e il tema dell'omosessualità del marito all'epoca ha fatto scalpore. Qualcuno si potrà anche chiedere perchè, visto che è una cosa che succede dall'alba dei tempi: la società in cui viviamo, fortemente centrata sull'idea del matrimonio etero e radicata sull'omofobia in tutti i suoi colori, ha permesso e obbligato molti uomini (e donne) a scegliere il clichè più ovvio di vita, negandosi. La negazione della propria omosessualità sta alla base di crisi profonde nella coppia e, una volta svelata, provoca gravi problematiche in entrambi i coinvolti.

150708125704_a_man_640x360_thinkstockLa casistica vuole che ad essere più discussa sia la scoperta del marito gay, piuttosto che della moglie lesbica. Questo è dovuto all'impronta omofobica che contraddistingue l'assetto sociale attuale, riconoscendo più "grave" che un uomo preferisca un altro uomo ad una donna; la donna è un po' "giustificata", visto che il sesso lesbico sotto certi punti di vista è contemplato (piace molto agli uomini etero, che guardano volentieri). L'uomo quindi è messo al bando, ha giocato la carta sbagliata, ha bluffato irrimediabilmente e ha perso.

Scoprire che il proprio marito è gay è uno tsunami che sconvolge tutto: sapere che l'uomo con il quale si ha vissuto per anni, con il quale si è formata una famiglia, travolge tutto e ribalta ogni certezza. A subirne la pressione più forte sono le certezze sui legami profondi che una donna era convinta di avere. Tutto e tutti vengono messi in discussione. I fronti su cui si abbatte la sciabola dell'ambiguità sessuale sono due.

Da una parte, c'è la moglie tradita, non solo sessualmente ma anche nell'identità reale della relazione. Tante domande si affollano nella sua mente: come ha fatto a fingere di essere etero? Come ho fatto a non accorgermi delle sue tendenze? Il fatto che non voleva fare sesso con me non era un problema in fondo... perchè non ho compreso che invece lo era? Il partner si trasforma in un completo sconosciuto da rifiutare e odiare, un bugiardo inaffidabile. Viene messa in discussione la sua capacità di essere responsabile anche nei confronti dei figli. Ci sono donne disposte a tollerare il tradimento del marito con una donna in quanto sentono di partecipare ad un confronto alla pari, ma quando l'amante è un uomo il paragone non regge. Femminilità e mascolinità si scontrano e perdono di valore. Si scatena l'ira della donna ferita che spesso non comprende o non vuole comprendere, lasciandosi trascinare da istinti vendicativi e conflitti dolorosi. A scapito dei figli.

Dall'altra parte, c'è l'uomo che ha mentito a se stesso e alle persone che ama per una vita, che ha preferito negarsi pur di assecondare i dictat della società in cui si è perfettamente inserito. Una volta svelato il suo segreto, si sente sollevato da una responsabilità enorme e che, in fondo, non ha mai voluto gestire. Al contempo è terrorizzato e confuso perchè anche per lui ogni sicurezza è svanita nel nulla. L'unica certezza che ha è la propria "nuova" identità sessuale e ciò che si è costruito nella vita "omo", parallela a quella "etero". La compagna, la donna con cui ha condiviso la famiglia tanto desiderata, è spesso l'unica persona appartenente al mondo socialmente accettato a conoscere la verità, e in genere è molto arrabbiata.

Anche in questi casi, come in qualsiasi crisi di coppia, il consiglio è quello di darsi il tempo di comprendere e affrontare la scoperta senza cadere nell'intolleranza e nella conflittualità. Se ci sono dei bambini, sono loro ad avere la precedenza e il loro benessere deve essere il primo punto su cui non transigere. Farsi aiutare da uno specialista esperto in terapie famigliari e da un sessuologo è un passo utile a superare consapevolmente questa fase.

 

 

Leggi anche:

La storia di Lili. Quando qualcosa cambia


portfolio-5
Mamma, sono gay...


 

 

 

 
Author Avatar

About Author

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.