IL MAGAZINE SUL CICLO DI VITA DELLA COPPIA

 

Mamma, vorrei un cucciolo!

cani-gatti-bambiniAd un certo punto, nella vostra vita da genitori potreste sentire questa fatidica domanda arrivare da vostro figlio: “Vorrei tanto avere un cucciolo, possiamo?”.

Far crescere un bambino assieme ad un cane è una grande opportunità ed una grande gioia. Il cane può diventare un compagno di viaggio ideale per poter accompagnare il bambino nel suo percorso di vita e di crescita, avvicinandosi al mondo animale, e più in generale a quello della natura, in maniera spensierata.  Ma accogliere un cane in casa non è una passeggiata. Innanzitutto il cane non deve trasformarsi in un babysitter che sorveglia vostro figlio, dovere invece essere molto scrupolosi nel seguire da vicino la relazione “bambino/cane”, evitando così incidenti domestici o situazioni pericolose. Far capire al bambino che il cucciolo arrivato a casa non è un giocattolo, ma un essere vivente e che come lui avrà bisogno di spazi ed altre esigenze che vanno assolutamente rispettate.

I SUGGERIMENTI

Prima di dire sì a vostro figlio, dialogate con lui e fategli capire ciò che comporta avere un animale in casa, facendogli presente che questo cucciolo entrerà a far parte della famiglia e che sarà un impegno prendersene cura. Quando il cucciolo arriverà in casa, vi accorgerete del suo grado di iperattività e del bisogno di giocare ed esplorare rubando gli oggetti che troverà in giro (compresi quelli di vostro figlio). Il cane, inoltre, facendolo per gioco, potrebbe mordere e questa cosa va tenuta sotto controllo onde evitare incidenti. Va anche detto che se da un lato c’è l’iperattività del cucciolo, dall’altra c’è l’atteggiamento del bimbo che di solito tende ad interagire con il cane in modo eccessivo e smisurato agitandolo a dismisura (va quindi trovato il giusto equilibrio). maxresdefaultLa sorveglianza del genitore è fondamentale, per evitare che il bambino faccia male al cane e viceversa (un graffio involontario da parte del cucciolo, può portare il bambino a sviluppare paura in futuro).

Tra le varie modalità per scegliere un cane, c’è quella di andare in un rifugio, in questo modo donerete una casa ad un animale che ne ha bisogno, e potrete lasciare a vostro figlio la scelta di quale cane gli piace di più. Bisognerà poi portare il cucciolo dal veterinario per verificare il suo stato di salute, valutando così se sono necessari vaccini o esami clinici specifici. Inoltre, è opportuno prevedere mensilmente il trattamento antiparassitario dell’animale, evitando che determinate patologie possano essere trasmesse dal cane al bambino/famiglia (come ad esempio la zecca o altri tipi di parassiti).

I VANTAGGI

Attraverso il contatto con l’animale il bambino può migliorare il rapporto con gli altri e ritrovare la serenità. Nel caso di bambini irrequieti, con difficoltà a concentrarsi, accudire un animale diventa fonte di interesse portando un po’ di relax (ad esempio quando può osservare le attività dell’animale da vicino). Nel caso invece di bambini timidi, avere un animale può insegnare ad implementare le capacità di attenzione e di gestione di un rapporto a due.

Per i bambini avere il contatto con un animale ha molto benefici perché con la loro purezza d’animo si avvicinano alla natura in maniera leggera e senza preconcetti, usando poi i vari sensi a loro disposizione per conoscere meglio l’animale. small-baby-with-cute-dog-puppyVivere con un animale domestico è un’esperienza importante per il bambino sia dal punto cognitivo che affettivo e attraverso la relazione che s’instaura, viene messo nella condizione di osservare, sperimentare e conoscere (mentre per voi genitori, quando il cibo cadrà a terra, non dovrete più preoccuparvene, ci penserà il cane a raccogliere le briciole). Da non trascurare poi l’aspetto dell’esercizio fisico. Avere un cane può favorire l’uscita per fare passeggiate, o correre assieme ai vostri figli, che si stancheranno a tal punto che per voi sarà più facile metterli a dormire.

Ricordate che la scelta dell’animale da prendere, oltre a lasciare spazio ai desideri di vostro figlio, va fatta in funzione delle caratteristiche della vostra abitazione. In base al vostro stile di vita dovrete trovare un compromesso giusto tra le vostre esigenze, quelle di vostro figlio e quelle dell’animale (cane, gatto, tartaruga, ecc.).

 

Martina Dell’Osbel

 

Leggi anche:

parejas-cursis

Genitori e il primo appuntamento dei figli

empty-nest_cropped

La sindrome del nido vuoto



Martina Dell'Osbel

Sono laureata in Relazioni Pubbliche e Pubblicità ed fatto ho un Master in Diritto dell'ambiente. Ho sempre lavorato nell'ambito della comunicazione come: speaker radiofonica, corrispondente per delle testate, formatrice. Il mondo della scrittura mi ha da sempre affascinata! Sono felice di poter scrivere degli articoli per la redazione di Noi2 Magazine...così potrò mantenere viva la mia passione!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *