Curiosità scientifiche sul tradimento

  1. Homepage
  2. Scienza
  3. Curiosità scientifiche sul tradimento
Curiosità scientifiche sul tradimento

Curiosità scientifiche sul tradimento

La scienza si è interessata molto al fenomeno dell'infedeltà nell'ottica dello studio delle relazioni e dei fenomeni sociali, oltre che alla sfera della sessualità. Questo ha portato alla luce diverse scoperte, anche curiose, sul tradimento:


TENDENZA: Innanzitutto, rispetto a 20 anni fa la tendenza all'infedeltà non è aumentata anche se ci troviamo in piena era digitale, e ciò sembra che abbia semplicemente agevolato questo tipo di comportamento piuttosto che averlo incoraggiato.

INSODDISFAZIONE: all'aumento dell'insoddisfazione sessuale della donna, che finge il raggiungimento dell'orgasmo, corrisponde un aumento della probabilità che possa tradire il partner, secondo uno studio apparso su Archives of Sexual Behavior.

PRIMA VOLTA: i soggetti che tradiscono per la prima volta, e che quindi hanno una relazione stabile, in genere lo fanno senza usare precauzioni durante il rapporto sessuale. Questo è il risultato della ricerca del professore Conley T. D. pubblicata su The Journal of Sexual Medicine nel 2012.

6948c812-6d2c-49e9-92ae-672c9f4d30cdCRISI DEL NONO ANNO: appena prima dello scoccare di un nuovo decennio i partner sono maggiormente infedeli: non si parla più della crisi del settimo anno, bensì del nono (e di tutti i periodi che terminano con questo numero). Questa tendenza è stata documentata da uno studio apparso su Proceedings of the National Academy of Sciences che mette in evidenza come questo sia il momento in cui si sarebbe più propensi alla riflessione sulla proporia vita, gli affetti e le relazioni mettendoli anche in discussione.

TESTICOLI: la dimensione dei testicoli di un uomo assieme ad un livello elevato di testosterone rappresentano dei fattori decisivi che spingerebbero all'infedeltà. Lo spiega la dottoressa Alessandra D. Fisher in una ricerca pubblicata all'interno di The Journal of Sexual Medicine: questi soggetti presentano un maggior desiderio sessuale e per questo difficilmente riescono a resistere alle tentazioni.

COMPORTAMENTO REITERATO: da uno studio apparso sul Journal of Social and Personal Relationships emerge come il tradimento rappresenti uno schema di comportamento reiterato. Questo significa che un soggetto che è già stato infedele in passato molto probabilmente tornerà a tradire in futuro, ma allo stesso tempo non è possibile considerarlo un comportamento assoluto dato che è necessario valutare diversi fattori come le motivazioni personali, le consizioni ambientali e genetiche (leggi l'articolo L'ormone della curiosità porta al tradimento?).

FANTASIE: è stato rilevato come sia molto frequente fantasticare immaginando di tradire il partner, e a farlo sarebbero il 98% degli uomini e l'80% delle donne.

CARDIOPATIE: gli scienziati hanno sottolineato come il soggetto che tradisce viva in uno stato di ansia e stress che influirebbe negativamente sul sistema cardiovascolare. Ovviamente è raro avere un attacco di cuore durante un rapporto sessuale, però alcuni ricercatori sostengono che ciò accada più frequentemente a chi sta tradendo.

 

Sara Forniz

 

Leggi anche:

landscape_1430240231-a0130-000129
Professioni a rischio tradimento


20161206_noi2magazine_investigatore
Investigatore privato e infedeltà
Author Avatar

About Author

Ho conseguito la laurea magistrale in Turismo del 2013 concludendo il percorso di studi che avevo iniziato mossa dal profondo interesse per questo settore, all'interno del quale ho maturato diverse esperienze lavorative. Parallelamente ho continuato ad alimentare le mie competenze nell'organizzazione di eventi, anche in ambito culturale. Sono affascinata dalle scienze del comportamento, dalle civiltà antiche e dall'antropologia, amo la musica e l'arte.

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.