Sesso a tre. MFM, MFF e… quanti altri?

  1. Homepage
  2. Professionisti della coppia
  3. Psicologo
  4. dott.ssa Antonella Besa
  5. Sesso a tre. MFM, MFF e... quanti altri?
Sesso a tre. MFM, MFF e… quanti altri?

Sesso a tre. MFM, MFF e… quanti altri?

In gergo MFM (male-female-male) e MFF (male-female-female), sono i termini utilizzati nei siti di annunci per scambi di coppia o nuove conoscenze finalizzate a rapporti per adulti. È in continua crescita il numero di coppie sposate o fidanzate che decide di aprire nuovi orizzonti per poter soddisfare i propri desideri più nascosti, attraverso il coinvolgimento di una terza persona (o di un’altra coppia).

Da alcuni studi emerge che il 65% degli uomini ed il 25% delle donne vorrebbe fare sesso a tre, e rispetto a pochi anni fa la diffusione via web dei siti d'incontri rende molto più facile rendere questa fantasia realtà.

Si affacciano a questo mondo non solo coppie di lunga data stanche del ménage sessuale, o "pervertiti", ma sempre più spesso giovani coppie incuriosite dal sesso e molto meno inibite di quelle di "una volta".

Quali i motivi della ricerca di un'esperienza sessuale a tre?

  • Libertà sessuale. Se una coppia è di ampie vedute per quanto riguarda la sessualità, può non avere preconcetti rispetto a come fare sesso e quindi includere esperienze atipiche dentro la vita a due.

  • Evitare le corna. Quando la routine o l'insoddisfazione entra nella vita sessuale di una coppia, essere complici nel movimentarla può essere un modo per non andare alla ricerca di un'emozione esterna o per cadere nello stallo di coppia.

  • Voglia di trasgressione. Tutto ciò che è trasgressione comprende un mix di eccitazione e paura, attivando il sistema adrenergico che ricerca le emozioni forti e ti fanno sentire vivo.

  • Recuperare una dimensione non monogama della coppia. Secondo varie teorie, l'essere umano non è stato fatto per essere monogamo, ma lo è per cultura. Il sesso a tre recupererebbe una dimensione primordiale della sessualità, come ricerca del piacere non legata all'amore e alla creazione di una famiglia.


2001638-img-trojka-sex-dva-muzi-nevera-v14Fare sesso a tre non è un'esperienza così semplice, come per tutte le esperienze, passare dalla teoria alla pratica non è così ovvio. Ci sono varie cose da valutare con attenzione:

  • Gravidanza. Fare sesso se ci sono almeno un maschio e una femmina comporta sempre l'ipotesi di una gravidanza, quindi nel caso di sesso a tre bisogna utilizzare dei metodi contraccettivi. Sarebbe imbarazzante non sapere chi è il padre….

  • Malattie sessualmente trasmissibili. Più aumenta la promiscuità sessuale e la poca conoscenza dei partner sessuali, più aumenta il rischio di contrarre una MST. Usare prudenza e proteggersi bene.

  • Gelosia. Fare entrare un'altra persona nella vita sessuale può risvegliare una forte gelosia e incrinare profondamente il rapporto di coppia con dubbi sulla fedeltà mentale dell'altro. Ad esempio "vorrei che l'esperienza fosse eccitante, però se la mia donna si eccita con un altro ho paura che gli piaccia di più di me."

  • Non è un antidoto. Se la vita di coppia è ormai al capolinea, non sarà il sesso a tre, come nessun altro diversivo a rivitalizzarla: il sesso a tre non è una terapia di coppia. Bisogna chiedersi se ci sono ancora degli elementi validi per cui andare avanti o chiudere.

  • E se a un partner piace tanto e all'altro no? Si rischia di creare uno squilibrio importante nella coppia, quando a uno dei due piace il sesso a tre e all'altro "anche no", aprendo scenari pericolosi per il proseguimento della relazione. Il sesso a tre è bello se piace a tutti.


Come mai assistiamo all'intensificarsi di comportamenti sessuali atipici, come ad esempio il sesso a tre?

Dopo secoli di castrazione sessuale in seguito alla dominanza della mentalità cristiana bigotta assistiamo ai giorni nostri alla reazione opposta. È una reazione psicologica normale: più ti vieto una cosa, più ti viene da farla. Come altri muri abbattuti, allo stesso modo ci si sta riappropriando di una dimensione più libera e naturale del proprio corpo e della sessualità, passando per comportamenti estremi. Posso immaginare che dopo l'abbuffata sessuale dei nostri decenni, si potrà raggiungere un equilibrio dove il sesso non sarà né buono né cattivo, ma semplicemente una delle dimensione della vita umana.

 

Antonella Besa

Per conoscere l’attività della dott.ssa Besa visitate il sito www.psicologo-sessuologo-pordenone.com

 

Leggi anche:

 

miley-cyrus-700x432
Parliamo di pansessualità


1450162548_1
Tradimento #8: cosa fare dopo la scoperta dell'infedeltà?
Author Avatar

About Author

Psicologa, Psicoterapeuta e Sessuologa. Per lavoro mi occupo di problematiche della coppia nel mio studio a Pordenone (Studio di Psicologia e Sessuologia Dott.ssa. Antonella Besa). Per Noi2 Magazine mi occupo di fare cultura e informazione sull'universo coppia.

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.