Xmas countdown

  1. Homepage
  2. Storie di Noi2
  3. Xmas countdown
Xmas countdown

Xmas countdown

Christmas Clock

Eccolo il Natale che ti aspetta sulla soglia del nuovo anno, come faceva tuo padre sveglio, quando rincasavi dopo una notte in discoteca! Tu non sai che aspettarti quest'anno da lui, se una bonaria pacca sulla spalla o il solito calcio nel sedere!

Il  Christmas countdown è cominciato già e non hai avuto il tempo di pensarci perché eri indaffarato, o non ci volevi pensare, perché ti sembrava ancora lontano, o non ti andava di fare i conti con chi quest'anno alla tua tavola non ci sarebbe stato per tanti motivi... ma poi in un attimo è arrivato. Il Natale arriva sempre per tutti: per chi lo soffre e per chi non vede l'ora... beh, vi capisco se il vostro animo non è proprio a festa, e in questi giorni vi sentite stonati come una svendita moda mare in Alaska, indifesi rispetto alla cassa di risonanza del Natale ai vostri pensieri negativi. Però vi dico una cosa che sembrerà la scoperta dell'acqua calda: che voi vi chiudiate dentro casa, scappiate a Cuba, lo spirito del  Natale vi scoverà sempre sotto forma di foto di tavole imbandite di amici e parenti riuniti sui social, facendovi sentire in colpa e più soli ancora, quindi, tanto vale seguire la corrente, farsi travolgere da quel tran tran infernale, ma bonario, esserci, anche da spettatore passivo.

Suvvia, di Natale non è mai morto nessuno, perché è un modo per dire: "Siamo qui, con questo manipolo di facinorosi bulimici che sono la mia famiglia, e i miei amici, se pur monca di tanti preziosi membri, e si va avanti con loro... questi mi restano e questi porterò fino alla fine avanti."

Quindi, via libera al pranzo con affianco la trisavola centenaria scongelata dalla casa di riposo per l'occasione, lo zio sordo che non capisce quello che dici, la suocera che critica ad alta voce il tuo arrosto e la cognata che ti trova ingrassata, la zia petulante che, dopo le ultime analisi, vuole stare a regime alimentare controllato proprio il giorno Natale. Dalla nipotina impertinente che vuol sapere perché ti sei lasciata con quel tipo con cui stavi allo scorso Natale, alla nonna che chiede quando ti sposi o al cugino che chiede quando laurei, o all'altra nonna che chiede quando farai un figlio che ormai sei grandina, alla tombola per i bambini. È solo un pranzo, qualche ora in compagnia discutibile, è vero, ma è solo un pranzo. In alcuni casi anche una cena ed un pranzo ed un altro ancora, ma sono solo qualche ora, rassegnatevi, tappatevi il naso e in men che non si dica, sarà tutto finito e si penserà al Capodanno... vedrete che non sarà poi così male.

Buon Natale.

 

Lisa Coccioli

 

Leggi anche:

girl-1561943_1920
La dolcezza


A woman kisses goodbye to a man on a platform before a train leaves the railway station in Vichy, central France, on December 10, 2012. AFP PHOTO THIERRY ZOCCOLAN
Single geografica


 
Author Avatar

About Author

Sono nata a Taranto nel '75, ho una laurea inutile in Scienze Ambientali. Sposata nel 2003 ho seguito mio marito nei suoi trasferimenti: a Roma sino al 2009, in Germania sino al 2012. Lì, oltre a mangiare wurstel, frequentare un corso di tedesco e fare la mamma, volevo parlare con qualcuno e così ho insegnato italiano ai tedeschi nelle scuole serali. Nuovamente a Roma, poi a Taranto dove resteremo per un paio di anni. Ho 3 bambini, adoro leggere, ascolto le beghe sentimentali delle mie amiche, guardo film e cucino. Per smaltire le calorie di ciò che preparo, corro due volte a settimana. Odio stare a casa... preferisco l'aria aperta coi bambini.

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.