IL MAGAZINE SUL CICLO DI VITA DELLA COPPIA

 

Barack e Michelle Obama: complicità oltre la Casa Bianca

La storia d’amore del presidente uscente degli Stati Uniti Barack Obama e della moglie Michelle muove i primi passi nel 1989 in uno studio legale di Chicago. Lei faceva da tutor a lui e nonostante le prime esitazioni di Michelle in risposta alle avances, il futuro presidente riuscì a farla cedere: ci fu il primo appuntamento, il primo bacio a cui in breve tempo fecero seguito le nozze, celebrate il 3 ottobre del 1992. Quest’anno i coniugi Obama hanno festeggiato 24 anni di matrimonio, un traguardo particolarmente importante considerato che si tratta di una delle coppie più famose nella storia degli Stati Uniti.

1470395268-hbz-barack-obama-gettyimages-81390668Li abbiamo sempre visti estremamente affiatati, complici nonostante i riflettori sempre puntati sulla loro vita. Portare sulle spalle il peso del proprio Paese non è certo cosa facile, tanto meno se si è in due, ma la loro relazione sembra non aver mai accusato questa fatica. Il pensiero verso il partner c’è sempre, tanto che Obama quando Michelle non è con lui, si lascia sempre sfuggire un accenno nei suoi confronti duranti i suoi discorsi. Ma questa è solo una delle innumerevoli manifestazioni pubbliche d’affetto che i due si sono sempre scambiati teneramente, come una coppia qualsiasi. Forse è proprio per questo loro equilibrio, per questa loro disinvolta “normalità” che il popolo americano è rimasto particolarmente colpito.

Viene spontaneo chiedersi quali siano stati gli ingredienti fondamentali che hanno permesso a questa coppia di sopravvivere a ben due mandati. Ciò che incantò immediatamente la First Lady fu il fascino e il carisma che quest’uomo emanava, era divertente, intrigante e auto-ironico. Tra i due era scattata una profonda sintonia, e 1437045893-michelle-obama-and-barack-obama Barak quando cominciò a parlare di matrimonio sottolineò sempre il suo serio impegno a voler condividere la vita con la donna dei suoi sogni. Determinazione, costanza e dedizione sono qualità essenziali soprattutto nei momenti più difficili, a detta del Presidente uscente: “Solo allora il rispetto e l’amore che si provano diventano più profondi.” Stare insieme per affrontare le avversità sembra che abbia proprio funzionato: tenere duro sempre, qualunque cosa succeda. Questo punto probabilmente ha toccato in particolar modo Michelle, perchè diciamocelo, stare al fianco del Presidente dev’essere tutt’altro che semplice. Durante la trasmissione televisiva The Ellen DeGeneres Show la First Lady aveva dichiarato: “Da questa esperienza ho imparato a non “sudare” per le piccole cose. Ci sono stati tanti momenti: il viaggio che abbiamo intrapreso insieme, le situazioni divertenti in cui ci siamo ritrovati, le sfide che abbiamo affrontato, le figlie che stiamo crescendo (Malia e Natasha). Ma anche i calzini che lascia sul pavimento e io raccolgo, o la storia che racconta per la centesima volta e che si aspetta ci diverta come la prima…” Forse però è durante un’intervista rilasciata alla CNN che possiamo comprendere quale sia il segreto che rende così forte il loro rapporto: “Ci apprezziamo reciprocamente per quello che siamo. Barack non vuole cambiare la propria vita, né niente di me o dei nostri figli o ancora di sé. E io lo rispetto per questo.”

 

Sara Forniz

 

Leggi anche:

01_ross-mcgrann_robyn-rachel-photography-1

Sposarsi a Natale

1654x920_yorkdale_biker_lr_logo1

Intervista a Babbo Natale

 



Sara Forniz

Ho conseguito la laurea magistrale in Turismo del 2013 concludendo il percorso di studi che avevo iniziato mossa dal profondo interesse per questo settore, all'interno del quale ho maturato diverse esperienze lavorative. Parallelamente ho continuato ad alimentare le mie competenze nell'organizzazione di eventi, anche in ambito culturale. Sono affascinata dalle scienze del comportamento, dalle civiltà antiche e dall'antropologia, amo la musica e l'arte.


2 thoughts on “Barack e Michelle Obama: complicità oltre la Casa Bianca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *