IL MAGAZINE SUL CICLO DI VITA DELLA COPPIA

 

Cos’è il BDSM?

Un tipo di presa elettrica? Una nuova tecnica di meditazione? Un trattamento estetico all’avanguardia?

Il BDSM non è niente di tutto questo, l’acronimo sta per: Bondage (legame), Disciplina, Dominazione, Sottomissione, Sadismo, Masochismo. Significati multipli ad indicare una pratica sessuale fuori dagli schemi. Ma per chiarirci le idee è meglio affidarsi agli esperti: Ayzad,  giornalista e scrittore specializzato nel campo delle sessualità alternative dà questa definizione: duevolti“Con BDSM ci si riferisce a centinaia di differenti giochi erotici accomunati da un’unica caratteristica: uno dei partner si mette a disposizione dell’altro impegnandosi ad accettare e assaporare tutto ciò che accadrà; quest’ultimo si prende invece la responsabilità di gestire la situazione e decidere quali sensazioni ed emozioni proveranno entrambi.”

I giochi erotici in questione sono improntati su sensazioni decisamente estreme, sia dal punto di vista fisico che emotivo e sono imperniati sul disequilibrio del potere tra i partner, dove uno è il sottomesso (slave) mentre l’altro è il dominatore (master o mistress). Questo però non comporta nessuna costrizione di una delle due parti perchè tutto viene fatto consensualmente ed in piena libertà. Il ventaglio delle pratiche BDSM è piuttosto ampio, quelle più diffuse e tendenzialmente meno dolorose sono il bondage (costrizione fisica del partner tramite corde o manette) e le sculacciate fino alle più estreme come i giochi con l’elettricità.

La fiducia gioca un ruolo fondamentale assieme alla preparazione tecnica e alla sicurezza. Non si possono sottovalutare questi aspetti nel BDSM, non ci si può improvvisare sull’onda della voglia di fare i trasgressivi rischiando di farsi male.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ayzad, nel libro I love BDSM sottolinea: “[…] non c’è ombra di patologia. Al suo posto viene sottolineata l’intesa fra i partner che rende speciali queste relazioni. Il BDSM  non è fatto di completini in latex e nodi da marinaio, bensì di fiducia, comunicazione, sensualità e rispetto reciproco.” 

A garantire il corretto svolgimento della sessione, poi, viene concordata preventivamente una parola di sicurezza, la safeword, che quando viene pronunciata permette la sospensione immediata dei giochi. Questa parola deve essere diversa da “no” in quanto proprio il no potrebbe “scappare” durante il gioco e non corrispondere al vero desiderio di sospendere il tutto. 

“L’organo sessuale più attivo nei giochi di dominazione e sottomissione è quello che hai fra le orecchie. Il cervello è il luogo in cui l’eros estremo nasce e alimenta passioni infinite. Senza di esso si può fare al massimo un po’ di ginnastica acrobatica e procurarsi qualche livido, ma sarebbe davvero un peccato, perchè vorrebbe dire perdersi proprio il meglio che il BDSM ha da offrire.”

Un’esperienza sensoriale estremamente intensa, che non sempre culmina con il piacere sessuale, bensì con l’appagamento mentale dei due partner. Una pratica sicuramente complessa ed alternativa non adatta a tutti, a conferma del fatto che i gusti sono gusti.

 

Per approfondire l’argomento: Ayzad.com

Anche di questo parlerà il prof. Quattini nel convegno organizzato da Noi2 Magazine il 28 gennaio 2017. Per info e iscrizioni: eventi.noi2magazine.com

 

Sara Forniz

 

Leggi anche:

beans-1851374_1280

Sesso vegano

mat

Sesso a tre: MFM, MFF e… quanti altri?

 

 



Sara Forniz

Ho conseguito la laurea magistrale in Turismo del 2013 concludendo il percorso di studi che avevo iniziato mossa dal profondo interesse per questo settore, all'interno del quale ho maturato diverse esperienze lavorative. Parallelamente ho continuato ad alimentare le mie competenze nell'organizzazione di eventi, anche in ambito culturale. Sono affascinata dalle scienze del comportamento, dalle civiltà antiche e dall'antropologia, amo la musica e l'arte.


2 thoughts on “Cos’è il BDSM?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *