Sport estremi per riaccendere la passione di coppia

  1. Homepage
  2. Coppia in forma
  3. Personal trainer
  4. Gianni Cecchetti
  5. Sport estremi per riaccendere la passione di coppia
Sport estremi per riaccendere la passione di coppia

Sport estremi per riaccendere la passione di coppia

La vita di coppia è fantastica. Ci si conosce, ci si frequenta, ci si innamora, ci si fidanza, si va a convivere, ci si sposa…e poi?

Poi i giorni si alternano, uno dopo l'altro, con un susseguirsi che appare quasi come un loop temporale che, per chi di più e per chi di meno, può diventare logorante con il passare delle settimane, dei mesi, degli anni. Allora cosa può servire per dare una nuova scossa al rapporto, risvegliando l'emozione dei primi tempi? Servirebbe qualcosa di…estremo! Affrontare e vincere le sfide fortifica i rapporti inter-personali, più che mai l'affinità e la fiducia in una coppia innamorata. Quello che vado a consigliarvi è piuttosto esplicito, ovvero, affrontare insieme un'esperienza piena di adrenalina. E quale esperienza più ricca di adrenalina, se non uno sport estremo?

Vediamo insieme tre sport estremi grazie al quale il fuoco del vostro amore verrà risvegliato, fino ad incenerirvi! (Forse come metafora è un po' esagerata).

1. FREE CLIMBING

20170124_noi2magazine_sportestremi_4Arrampicata libera.

Oltre che a dare una forte scossa di adrenalina, aiuterà a combattere per entrambi (o uno dei due) la fobia degli spazi aperti se non addirittura, dell'altezza. Ovviamente non si può pretendere che delle persone, la quale maggiore altezza raggiunta è stata quella del soffitto con una scala per cambiare una lampadina, da ieri ad oggi inizino a scalare le pareti del Gran Sasso a mani nude! Ci sono molte attività propedeutiche al Free Climbing, la cui principale può essere benissimo la parete d'arrampicata. Queste pareti si trovano soprattutto nelle palestre o nelle strutture specializzate e sono seguite e manutentate da istruttori professionisti, nel massimo della sicurezza. Dunque iniziare la propria sfida di coppia contro l'altezza su queste pareti artificiali, sarà la scelta ottimale.

Per potersi permettere però di riuscire almeno a staccarsi da terra e raggiungere il primo appiglio, sarà fondamentale un minimo di forza nella muscolatura delle braccia e, ancora di più, negli avambracci. Quindi se il maggiore sforzo che avete mai fatto è stato quello di aprire un barattolo si sottaceti, dovreste iniziare a rinforzare avambracci (di cui non sto ad elencare tutte le decine di muscoli pronatori e flessori della mano), bicipiti, deltoidi e dorsali con un programma di aumento della forza resistente specifica per quello sport. L'avvertimento che tengo però a farvi è quello di fare attenzione. Attenzione alla potenziale infiammazione dei tendini dell'epicondilo (epicondilite) se non addirittura dei muscoli della cuffia dei rotatori (i quali stabilizzano le spalle), soprattutto nelle persone predisposte a queste problematiche. Prevenire questi danni può essere fatto solo tramite la prudenza e dunque la non-voglia di strafare! Iniziate per gradi. Non strafate. Seguite un'alimentazione ed un'idratazione adeguata e, se necessario, un'integrazione intelligente partendo da un semplice ma efficace complesso multivitaminico.

2. DOWN HILL

20170124_noi2magazine_sportestremi_2Discesa libera in mountain bike.

Qui forse andiamo più sul professionale, dato che il down hill richiede oltre che a delle discrete capacità tecniche, anche delle dispendiose strumentazioni (in particolare ovviamente, la bici). Le mountain bike, in particolar modo quelle progettate per questo sport, costano diverse centinaia di euro, ma questo non deve scoraggiarvi, poiché vi assicuro che il risultato finale sarà di gran lunga superiore alle vostre aspettative! Questo sport per chi non lo sapesse, prevede la discesa da percorsi di montagna, piste innevate o dune di sabbia, grazie ad una meraviglia dell'ingegneria di bicicletta.

Come per il caso precedente e ancora di più, non possiamo passare dall'andare sulla city bike per 2 km al giorno tre volte alla settimana, allo scendere a 50 km/h giù per un tratto della via francigena. Quindi potremmo benissimo partire innanzi tutto con una spesa contenuta di qualche centinaia di euro per due buone mountain bike e iniziare a percorrere le strade di campagna della propria città, per qualche ora alla settimana. Questo per qualche mese, diventando sempre più affiatati ed insieme, appassionati allo sport, fino a quando non ci sarà lo step decisivo del down hill.

Questo sport, come tutti gli altri, non è esente da rischi. Difatti negli sport su due ruote in generale sono frequenti le fratture, in particolar modo a carico delle coste, della clavicola e di tutte le sue strutture annesse (sterno, acromion e coracoide). Per non parlare di lussazioni del polso o della caviglia, tanto sottovalutate quanto potenzialmente soggette a recidive. Ad ogni modo, qualche piccolo problema sicuramente ci sarà, come per qualsiasi cosa, ma non c'è da aver paura se seguiti dalla giusta attrezzatura, dai giusti professionisti e dalla giusta determinazione di coppia.

3. SLACKLINE

20170124_noimagazine_sportestremi_3Come ultimo consiglio andiamo su qualcosa di più leggero, easy, molto più alla portata di tutti e dal minimo rischio di ingiurie ed economico: la slackline.

Con poche decine di euro, due agganci belli saldi (come possono essere degli alberi, ad esempio), tanto equilibrio e voglia di divertirsi, riuscirete a fare mirabolanti acrobazie su questa fune semi-elastica, in piena libertà. È vero… forse descritto così può sembrare niente di che, un gioco adatto ai bambini, ma vi assicuro che non è così! L'utilizzo della slackline richiede delle doti propriocettive ed una capacità di equilibrio col quale non si "nasce imparati", ma che richiedono ore ed ore di pratica.

Da soli il divertimento c'è, ma in due è assicurato al mille per mille!

Prima di spendere il vostro tempo, le vostre energie ed i vostri soldi per la slackline, iniziate però a fare pratica per gradi, partendo facendo percorsi d'equilibrio su delle semplici ma efficacissimi travi da palestra. Rinforzando i muscoli e le strutture tendinee della caviglia con delle pedane basculanti (quelle di legno che trovate in palestra) o ancor meglio effettuando esercizi per gli arti inferiori su una swiss ball. Non meno importante sarà il condizionamento del core, quindi dei muscoli del torchio addominale, del quadro dei lombi e della muscolatura paravertebrale, che cingono il baricentro del corpo, il quale vien da se, essere fondamentale per questo sport/passatempo.

Digitate su YouTube "Slackline freestyle" e vediamo se può appassionarvi l'idea di imparare qualcosa di nuovo, giocare, divertirvi e prendervi in giro assieme. Ah, forse vi starete chiedendo dove sia la parte "extreme" di questa disciplina. Vi basti pensare che diversi atleti estremi svolgono questa disciplina su slackline interposte tra due rocce acuminate in piena altitudine, a centinaia di metri dal suolo, senza alcuna precauzione d'emergenza…può bastare?

Questi sono solo tre semplici esempi di sport estremi che potranno aiutare a mettere un po' di pepe nella vostra ormai monotona vita di coppia, risvegliando di riflesso anche la vostra passione. Ad ogni modo tutte le attività che richiedono di abbattere un ostacolo, mentale o fisico che sia, fortificano qualsivoglia rapporto di coppia: dai più estremi bungee jumping o paracadutismo, ai più ricreativi paint ball o skate board.

Infine però, dobbiamo ricordare che il vero amore sta nel trovare le emozioni anche in quelle semplici attività che si fanno ad esempio, ogni week-end: una passeggiata sul mare, un pic-nic in montagna, un pomeriggio all'IKEA… no, questo forse no!

 

Gianni Cecchetti

 

Leggi anche:

Man-woman-eating-apple
Tornare in forma in 5 passi


shutterstock_115517497-mod_126_fr
In preparazione per la "settimana bianca"
Author Avatar

About Author

Toscano, classe 1991, appassionato di fitness. Vengo principalmente dal nuoto e dalla kick-boxe, dove ho vinto un titolo internazionale all'interno della mia federazione. Gli studi (con la "S" maiuscola) inerenti il mondo del fitness, sono iniziati nel 2011 con la Federazione Italiana Fitness, grazie alla quale mi tengo costantemente aggiornato. Nel 2014 ho intrapreso il percorso universitario alla facoltà di Scienze motorie con l'intento di proseguire nel ramo della nutrizione. Sostengo l'applicazione del buon senso nell'attività fisica, nell'alimentazione e nel lifestyle in generale.

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.