IL PRIMO MAGAZINE SULLA VITA DI COPPIA. SFUMATURE DI NOI2

 

Viaggiare in quarta età: una tendenza in aumento

A seguito dell’allungamento dell’aspettativa di vita, non sentiamo più parlare di “terza età”, bensì di “quarta età”, un momento dell’esistenza caratterizzato da una rinnovata voglia di scoprire il mondo, di vivere nuove emozioni e fare nuove esperienze. All’ospizio non ci si pensa proprio, ed ecco che anche il comparto turistico, conscio di questo mutamento sociale, si è adattato con la progettazione di offerte turistiche ad hoc per chi si sente anziano solo da un punto di vista anagrafico.

Viaggiare in età avanzata, in coppia o in gruppo, richiede chiaramente condizioni di trasporto e soggiorno confortevoli e agevolanti, la presenza di strutture, ricettive e non, facilmente accessibili, un rischio sanitario più basso della media, una lunghezza di viaggio calibrata sulla base del proprio benessere fisico. Ma dove vanno in vacanza questi turisti senior?

Leggi anche: I nonni di oggi e l’active aging

Possiamo scoprirlo grazie alla decima indagine dell’Osservatorio Europcar, realizzata in collaborazione con Doxa, che ha raccolto 803 interviste rilasciate da soggetti dai 60 ai 79 anni: durante il periodo estivo, il 64% del campione predilige le località marittime, soprattutto in l’Italia, scegliendo di partire in direzione di Puglia, Liguria, Campania ma anche per Toscana e Trentino Alto Adige. Gettonata è anche la montagna, scelta come luogo di villeggiatura dal 21% degli intervistati, una preferenza che rimane comunque costante nel corso dell’anno. Il 12% preferisce, invece, delle mete più alternative come la campagna o il lago. Il resto dell’anno i senior scelgono volentieri l’estero, in primis Francia e Grecia, seguite da Inghilterra, Croazia Spagna e Svizzera. Il 64% dei turisti senior ama le città d’arte, lo zoccolo duro del mercato turistico, godendo a pieno delle offerte culturali: dalle visite a musei, chiese e siti archeologici fino ad altri ambiti più di nicchia come tour enogastronomici e soggiorni rilassanti alle terme. La tendenza emersa è quella della destagionalizzazione, un’opportunità da cogliere per gli operatori del settore: il 10%, infatti, preferisce viaggiare fuori dai mesi più caldi e il 68%, oltre al periodo che va da giugno a settembre, prenoterà qualche weekend, settimana o mese durante l’anno.

Per quanto riguarda i mezzi di trasporto, il 74% dei viaggiatori della “quarta età” preferisce l‘auto a noleggio, avendo la possibilità di scegliere il modello più adatto alle proprie esigenze. Il 13% e il 10% del campione, invece, sceglie rispettivamente l’aereo e il treno.

Per chi preferisce le vacanze organizzate, ecco alcuni operatori specializzati a cui affidarsi: Happy Age è un Tour Operator dedito alla progettazione di soggiorni in Italia e all’estero; Montanari Tour, dal 1995 è pronto a soddisfare le richieste dei senior; Crepaldi Tour, realtà aziendale dedicata al turismo sociale. Le proposte spaziano dalle crociere ai tour in pullman, dai viaggi in gruppo a quelli in coppia, basta avere la voglia di partire.

 

Sara Forniz

 

Leggi anche:

Sessualità dell’anziano

L’amore a settant’anni raccontato da Vanna Vannuccini



Sara Forniz

Ho conseguito la laurea magistrale in Turismo del 2013 concludendo il percorso di studi che avevo iniziato mossa dal profondo interesse per questo settore, all'interno del quale ho maturato diverse esperienze lavorative. Parallelamente ho continuato ad alimentare le mie competenze nell'organizzazione di eventi, anche in ambito culturale. Sono affascinata dalle scienze del comportamento, dalle civiltà antiche e dall'antropologia, amo la musica e l'arte.


One thought on “Viaggiare in quarta età: una tendenza in aumento

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *