La terapia che non ti aspetti: humorterapia con Rino Cerritelli

  1. Homepage
  2. Professionisti della coppia
  3. Psicologo
  4. dott.ssa Antonella Besa
  5. La terapia che non ti aspetti: humorterapia con Rino Cerritelli
La terapia che non ti aspetti: humorterapia con Rino Cerritelli

La terapia che non ti aspetti: humorterapia con Rino Cerritelli

Rino Cerritelli è autore del libro "La terapia dell'umorismo" e da anni insegna tecniche teatrali e meccanismi umoristici applicati in modo innovativo al di fuori dal mondo dello spettacolo, con il fine di migliorare le relazioni sociali, la creatività e il benessere personale. In questa intervista ci spiega cos'è la humorterapia.

Com’è nata la humorterapia e su che cosa si basa?

La humorterapia è nata con l’intenzione di utilizzare l’umorismo nella comunicazione e nelle relazioni umane a 360 gradi, quindi non finalizzato all’unico scopo di far ridere. L’utilizzo dell’umorismo va personalizzato a seconda delle situazioni quindi in ogni contesto e a seconda delle situazioni ne va focalizzato l’utilizzo più idoneo.

La humorteapia non nasce al fine di utilizzare l’umorismo in modo performativo, ma in modo relazionale: vuol dire che l’obiettivo non è far ridere l’altro, ma ridere assieme all’altro, mettere l’altro nella condizione di dargli degli strumenti affinché possa ridere e ci possa far ridere. Il paradigma ufficiale dell’umorismo invece prevede che ci sia una persona che fa la performance e un’altra che ride, in realtà chi sa utilizzare bene l’umorismo non è la persona che fa ridere, ma quello che coglie gli spunti e li sviluppa assieme all’altro, a chi lo ha proposto. Gli spunti possono essere anche piccole cose che capitano per caso e da quelle poi si sviluppa l’umorismo. Non ha niente a che vedere con l’umorismo che viene utilizzato in televisione, nel mondo dello spettacolo, nel cinema nei quali c’è un rapporto basato su fruitori ed erogatori.

Come viene utilizzata la humorterapia nella coppia?


L’umorismo nella coppia è assolutamente personalizzato. Si crea una specie di complicità che dipende dalla relazione e quindi può essere soltanto ed esclusivamente proprio di quella coppia. Se questo legame si riesce a condividere anche con altre persone diventerà un umorismo di gruppo, ma deve nascere da un affiatamento particolare tra le due persone, sennò diventa un umorismo un po’ artificiale, delle volte addirittura fastidioso. Ad esempio se la partner della coppia dice “è lui quello simpatico ed io non riesco ad essere simpatica come lui” siamo già di fronte ad uno squilibrio nella coppia e quindi di fronte ad un umorismo non positivo.

È vero che la donna si innamora dell’uomo che la fa ridere?

Nel rapporto di coppia l’umorismo funziona all’inizio soprattutto se è l’uomo ad utilizzarlo per catturare, affascinare, conquistare, ma nel lungo periodo non funziona. A volte l’umorismo diventa un modo per scansare i problemi, per evitarli, invece si deve creare una complicità umoristica. La complicità umoristica deve crescere insieme alla coppia. Se questa complicità non si crea, l’umorismo non è una di quelle caratteristiche che contribuiscono a mantenere l’unione salda.

Cosa succede quando la coppia scoppia?

L’umorismo è anche utile per superare il momento in cui ci si lascia. L’umorismo serve per sdrammatizzare l’eccessiva emozione. La persona che lascia non è quella che deve utilizzare l’umorismo, ma dovrebbe essere quella che aiuta l’altra a tirare fuori il suo umorismo, non si fa la battuta ad una persona che sta male. Quando una persona sta male è meglio che sia la persona che sta male che faccia la battuta e non l’altro. Durante i nostri corsi aiutiamo le persone che vengono lasciate a scrivere anche delle cose umoristiche, in questo modo trovano una via alternativa per incanalare la loro rabbia e il loro dolore e si scaricano “divertendosi” e sdrammatizzando. Ci si può permettere di tirare fuori in modo umoristico la ferocia, cosa che diventa un tentativo di dissacrare l’altra persona e prenderne le distanze. In quel caso l’umorismo diventa un’aggressione bonaria, che viene fatta sul foglio scrivendo e alla fine diventa molto divertente.

Nei corsi di comunicazione umoristica e di gestione dei conflitti si utilizzano dei giochi dove si punta sull’improvvisazione e attivando il lato umoristico delle situazioni, si trovano strade alternative per uscire dai problemi.

LEGGI ANCHE: La risata come afrodisiaco nella coppia


Che soluzioni ci sono per chi è troppo permaloso?

La chiave nella relazione di coppia è l’autoironia, questa ti permette di criticare l’altro anche in maniera umoristica, se però uno non la usa e comincia a fare delle battute sull’altro, l’altro la prenderà come una presa in giro ed un attacco personale. Se invece si prende in giro prima di tutto sé stessi, si ha poi in mano quella chiave per criticare anche l’altro con l’umorismo, allora l’altro è a sua volta facilitato nell’accettarla perché si sente messo sullo stesso piano. Quando si è in coppia è importante ascoltare ed utilizzare gli spunti che ci fornisce l’altro. Se raccogliamo lo spunto che ci dà l’altro possiamo utilizzarlo per fare autoironia.

L’umorismo produce un cortocircuito. Cosa vuol dire? Quando si è arrabbiati delle volte l’umorismo ci serve come soluzione alternativa per uscire dalla regola in cui siamo e fare qualcosa di strano. La mente è presa tantissimo dalla rabbia, però se ad un certo punto gli sposti il piano, la persona che è arrabbiata per un attimo esce dalla rabbia con smarrimento e riattiva la corteccia frontale. Il difficile è trovare la cosa giusta che va bene per quella persona in quel momento lì. L’umorismo è quindi anche un modo per vedere le cose da un punto di vista diverso, oltre a darti la possibilità di sdrammatizzare, offre una diversa chiave di lettura. In coppie di lunga data serve proprio stimolare un pensiero altro.

Vi saluto con una domanda per i vostri lettori: “È vero che poverina è la declinazione al femminile di cornuto?”

Salutiamo Rino Cerritelli con una risata.

 

Antonella Besa

Se desideri che la dott.ssa Antonella Besa risponda a delle tue domande o ti chiarisca dei dubbi, compila il seguente form (il tuo messaggio non verrà visualizzato online). Riceverai in breve tempo una risposta in privato.



 

Leggi anche:

Suggerimenti primaverili per riaccendere la passione di coppia


Il linguaggio dell'amore


 

 
Author Avatar

About Author

Psicologa, Psicoterapeuta e Sessuologa. Per lavoro mi occupo di problematiche della coppia nel mio studio a Pordenone (Studio di Psicologia e Sessuologia Dott.ssa. Antonella Besa). Per Noi2 Magazine mi occupo di fare cultura e informazione sull'universo coppia.

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.