Strange situation e stili di attaccamento madre-figlio

  1. Homepage
  2. Professionisti della coppia
  3. Psicologo
  4. dott.ssa Giulia Parise
  5. Strange situation e stili di attaccamento madre-figlio
Strange situation e stili di attaccamento madre-figlio

Strange situation e stili di attaccamento madre-figlio

Avere un bambino: lui vuole aspettare, io no


Un interessante esperimento volto ad indagare i diversi modelli di attaccamento viene fornito dalla Ainsworth, mediante una tecnica chiamata Strange Situation. Essa studia l'attaccamento nella relazione madre-bambino attraverso la strutturazione di otto situazioni di stress che attivano dei comportamenti di attaccamento: nella prima il bambino si trova in un ambiente nuovo con la madre e si osserva come e se il bambino esplora l'ambiente mentre la madre legge; successivamente, nella stanza viene introdotta una persona estranea che si siede accanto alla madre ed interagisce prima con ella e poi con il bambino. Lo scopo è quello di vedere le reazioni del bambino con un'estranea e se utilizzi il genitore per significare la situazione; la madre lascia la stanza ed il bambino rimane in compagnia dell'estranea nell'ambiente. In questo caso si vede come il bambino si comporta in assenza del caregiver e che risorse utilizza; il genitore rientra nella stanza con il bambino e si analizza come quest'ultimo si comporta nei confronti del genitore, se ricerca vicinanza o contatto o se lo ignora; il genitore esce dalla stanza e il bambino viene lasciato da solo. Si osserva se il bambino manifesta disagio o se rimane tranquillo in una situazione particolarmente complessa; l'estranea rientra nella stanza e si vede se il bambino la utilizza come supporto per far fronte alla situazione difficoltosa; infine, rientra il genitore nella stanza e si osserva la relazione finale di attaccamento.

Quindi si analizzano: se il bambino esplora l'ambiente, come si comportano reciprocamente madre e figlio nel momento della separazione e ricongiungimento, come si comporta il bambino nei confronti di un estraneo.

LEGGI ANCHE: Ansia d'abbandono


Emergono 4 stili di attaccamento:

Attaccamento sicuro: il bambino esplora l'ambiente tranquillamente, ricercando la madre di tanto in tanto. Quando la madre esce, il bambino protesta debolmente, ma quando la madre rientra è facilmente consolabile. Il caregiver è attento alle esigenze del bambino, sensibile ed adeguato.

Babysitting in azienda


Attaccamento insicuro evitante: il bambino ignora il caregiver nell'esplorazione dell'ambiente e non ha alcun interesse a ristabilire una relazione con lui, anche qualora esca e rientri nella stanza. Il caregiver non è disponibile o è rifiutante nei confronti del bambino.

Attaccamento insicuro ambivalente: il bambino non esplora la stanza ed è aggrappato al genitore. Quando questo esce piange disperatamente, ma non è facilmente consolabile quando il genitore rientra, mettendo in atto anche delle condotte distanzianti. Il caregiver ha un comportamento scostante nei confronti del bambino.

Attaccamento disorganizzato: prevede una forte confusione da parte del bambino sia nell'esplorazione dell'ambiente sia nei confronti del caregiver, alternando dei momenti di forte paura ad altri in cui sembra spaesato. Il caregiver o è abusante o totalmente assente.

L'attaccamento sicuro è un esempio di dipendenza sana, mentre gli altri tipi mostrano dei tipi di attaccamento più problematici, in quanto sintomatici di una scarsa sintonia tra bambino e genitore.

 

dott.ssa Giulia Parise

Se desideri che la dott.ssa Giulia Parise risponda a delle tue domande o ti chiarisca dei dubbi, compila il seguente form (il tuo messaggio non verrà visualizzato online). Riceverai in breve tempo una risposta in privato.



DELLA DOTT.SSA PARISE LEGGI ANCHE I PRECEDENTI ARTICOLI:

La dipendenza familiare problematica


Teoria dell'attaccamento: una dipendenza sana
Author Avatar

About Author

Mi sono laureata in Psicologia Clinica a Padova nel 2014, attualmente mi occupo di ricerca ed informazione su tematiche inerenti ai Death Studies, lutto e fine vita. Nel mio lavoro cerco di conciliare la scientificità propria della formazione con la potenzialità espressiva e creativa dell'arte, con lo scopo di favorire l'elaborazione di un pensiero critico e professionale.

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.