Teoria dell’attaccamento: una dipendenza sana

  1. Homepage
  2. Professionisti della coppia
  3. Psicologo
  4. dott.ssa Giulia Parise
  5. Teoria dell'attaccamento: una dipendenza sana
Teoria dell’attaccamento: una dipendenza sana

Teoria dell’attaccamento: una dipendenza sana

Bambini "mammoni"


Il tema dell'attaccamento è stato a lungo analizzato. Uno tra i primi teorici che si è espresso a riguardo fu Freud. Egli sosteneva che i neonati si attaccassero all'oggetto che forniva il loro soddisfacimento orale, ponendo così l'accento non sulla relazione affettiva, bensì sul nutrimento.

Tale pensiero venne successivamente screditato da Harlow, il quale mostrò come per i neonati non fosse fondamentale il soddisfacimento del cibo, bensì la relazione di attaccamento instaurata con il caregiver. Egli osservò dei cuccioli di scimmia per i primi 6 mesi di vita: questi erano stati tolti dalla madre biologica ed allevati con una madre surrogato. Metà delle scimmiette veniva nutrita da una madre surrogato fatta con la stoffa, l'altra metà con una madre fatta di cavi elettrici. Harlow registrò il tempo che le scimmie passavano con le rispettive madri surrogato: quello che emerse era che non era importante chi le nutrisse, le scimmiette passavano più tempo con la madre di stoffa, denotando che non fosse fondamentale il nutrimento fornito, bensì il contatto e la vicinanza con il caregiver.

LEGGI ANCHE: Dipendere dagli altri


A partire da queste considerazioni, Bolwby si occupò di studiare la relazione di attaccamento a partire dai primi anni di vita del neonato, espressa nella Teoria dell'attaccamento. Egli sostiene che le persone (sia il neonato che il caregiver) sono biologicamente predisposte a sviluppare una relazione di attaccamento. I comportamenti di attaccamento sono azioni innate, vengono attivate sia da fattori interni (fame, sonno) che esterni (assenza della figura di attaccamento) e sono volte a mantenere una relazione con la figura di attaccamento (ad esempio, il neonato piange qualora la madre si sia allontanata, sentendolo piangere quella si avvicina).

Complessità del senso materno in gravidanza


Secondo l'autore, lo sviluppo dell'attaccamento procede per fasi: la prima è dalla nascita ai 2 mesi, in cui i comportamenti di attaccamento non sono selettivi e indirizzati verso una persona; la seconda và dai 2 ai 7 mesi, in cui i comportamenti cominciano ad essere indirizzati verso il caregiver; fino ai 2 anni, si parla di vero e proprio legame di attaccamento, in quanto il bambino protesta se non c'è la madre e manifesta paura per l'estraneo; dai 2 anni in su il legame di attaccamento è reciproco e paritario: il bambino ed il caregiver cooperano per ricercare vicinanza e supporto. In questa fase il bambino sviluppa delle rappresentazioni interne della relazione di attaccamento (MOI, cioè i modelli operativi interni), che guideranno le successive relazioni.

L'attaccamento, quindi, è una dipendenza sana tra genitore e figlio, che si instaura per motivi biologici ed evolutivi fin dalla primissima infanzia.

 

Giulia Parise

Se desideri che la dott.ssa Giulia Parise risponda a delle tue domande o ti chiarisca dei dubbi, compila il seguente form (il tuo messaggio non verrà visualizzato online). Riceverai in breve tempo una risposta in privato.



LA DOTT.SSA PARISE HA AFFRONTATO ANCHE UN ALTRO TEMA:

La dipendenza familiare problematica


 
Author Avatar

About Author

Mi sono laureata in Psicologia Clinica a Padova nel 2014, attualmente mi occupo di ricerca ed informazione su tematiche inerenti ai Death Studies, lutto e fine vita. Nel mio lavoro cerco di conciliare la scientificità propria della formazione con la potenzialità espressiva e creativa dell'arte, con lo scopo di favorire l'elaborazione di un pensiero critico e professionale.

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.