IL PRIMO MAGAZINE SULLA VITA DI COPPIA. SFUMATURE DI NOI2

 

Omosessualità tra tabù e stereotipi

Il dottor Fabrizio Quattrini, in occasione dell’uscita del suo ultimo libro “Il piacere maschile”, ci parla dei tabù e degli stereotipi legati all’omosessualità.

Quali sono i tabù nella coppia omosessuale e da cosa dipendono?

La coppia omosessuale, come quella eterosessuale, ha una caratteristica analoga che non cambia rispetto all’orientamento, ovvero quella della cultura di appartenenza. Se l’individuo non ha ricevuto un’educazione sesso-affettiva svincolata da quelli che sono i classici tabù o le classiche false credenze, rischia di amplificarle all’interno del rapporto di coppia. Faccio un esempio: il fatto che nella coppia eterosessuale ci possa essere il tabù di vivere un certo tipo di esperienza erotica, come l’analità, per quanto riguarda la donna, nella coppia omosessuale potrebbe comunque essere presente lo stesso tabù differenziando tra uomini attivi e uomini passivi. A mio avviso alcune caratteristiche si ritrovano a prescindere dall’orientamento sessuale

LEGGI ANCHE: In ufficio non sono gay

semplicemente perchè manca un’educazione alla sessualità utile per modificare i tabù e le false credenze. Oggi grazie all’ausilio di internet c’è stata una trasformazione abbastanza importante soprattutto nella comunità omosessuale. All’interno di una coppia omosessuale uno dei tabù che echeggia maggiormente è il fatto che ci debba essere chi fa l’uomo e chi fa la donna. Questo è un classico tabù apparso fino agli anni ’80 all’interno di quelle che potevano essere le filmografie, mi viene in mente “Il Vizietto” con Tognazzi e Serrault. Certi cliché possono essere rimarcati nella pubblicità e a volte ancora oggi questi si percepiscono.

Si tratta di un aspetto stereotipico che nella realtà appartiene al mondo binario eterosessuale e viene riproposto nel mondo omosessuale. All’interno della comunità omosessuale questo aspetto negli ultimi anni è molto cambiato, perchè anche la stessa persona omosessuale svincolandosi sempre di più da questi tabù, perchè ha compreso meglio certe caratteristiche della relazione con lo stesso sesso, si è allontanata da questa idea tipica del mondo eterosessuale.

LEGGI ANCHE: Gli italiani, il sesso e i tabù

Da questo punto di vista, sembra quasi che il rapporto all’interno della coppia omosessuale sia maggiormente paritario rispetto a quella eterosessuale, forse più vincolata dal “ruolo” maschile e femminile particolarmente marcato che la società continua ad imporre.

Sessualità omosessuale

Assolutamente sì, anche se con i femminismi la donna, provando a raggiungere certe parità, si sgancia dal discorso eterosessuale del maschio dominante, di questa mancanza di parità tra i generi. Pur riconoscendo però che esiste la differenza maschio/femmina: nel momento in cui parliamo di genere è chiaro che esistono maschi e femmine con le caratteristiche che potrebbero essere più o meno stereotipate, diverso è immaginare all’interno dell’omosessualità un aspetto tipico del maschile e del femminile che si deve ritrovare per forza se quella coppia è gay o lesbica. La differenza di genere probabilmente non è solo stereotipata, esiste in quanto i generi sono diversi, però non deve esserci lo stereotipo di portarlo all’interno di quella che secondo me è una coppia a prescindere dall’orientamento sessuale, ma ancor più all’interno di realtà omosessuali dove dire questo significa che la regola è quella etero e quindi gli omosessuali o si adattano oppure sono diversi.

 

Sara Forniz

 

Leggi anche:

Dominazione e sottomissione

Disabilità e sessualità: ce ne parla il dott. Quattrini

 

 



Sara Forniz

Ho conseguito la laurea magistrale in Turismo del 2013 concludendo il percorso di studi che avevo iniziato mossa dal profondo interesse per questo settore, all'interno del quale ho maturato diverse esperienze lavorative. Parallelamente ho continuato ad alimentare le mie competenze nell'organizzazione di eventi, anche in ambito culturale. Sono affascinata dalle scienze del comportamento, dalle civiltà antiche e dall'antropologia, amo la musica e l'arte.


One thought on “Omosessualità tra tabù e stereotipi

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *