IL PRIMO MAGAZINE SULLA VITA DI COPPIA. SFUMATURE DI NOI2

 

L’amore e le coppie sul campo da tennis

Gladiatore-matrona romana, calciatore-velina: epoca che vai, classico che trovi.

Se ai giorni nostri la migliore abbinata da gossip è “asso del pallone-bella dello spettacolo”, è anche vero che, in altri campi, altri sportivi si danno parecchio da fare.

Il campo da tennis, per dire, fin dagli anni Settanta è teatro di storie chiacchierate.

Il rapporto genitori-figli nello sport

I primi furono Jimmy Connors e Chris Evert: innamorati e fidanzati, i protagonisti della finale degli US Open del 1974 annunciarono un matrimonio che pochi mesi dopo venne rimandato, e quindi annullato. Il motivo? La decisione unilaterale della Evert di interrompere la gravidanza. Non esattamente una storia a lieto fine, la loro.

Tormentata anche la relazione, ben più nota, del grande tennista Andre Agassi con la splendida attrice e modella Brooke Shields a fine anni Novanta: un periodo difficile nella vita del campione, che per poco non si giocò anche la carriera. Tornato alla ribalta con un nuovo, sorprendente look ma soprattutto con un diverso approccio alla competizione sportiva, Agassi riprese a vincere non solo sul campo (Roland Garros, Australian e Us Open) ma anche nella vita privata: il campione infatti entra nel nuovo millennio a testa alta e con l’amore della sua vita, la collega Steffi Graf.

Nuovo millennio, nuovi campioni: Roger Federer e Mirka Vavrinec si conoscono nel 2000 a Sidney, durante la 17° Olimpiade, ed è amore. Lei poco dopo smette di giocare per un infortunio al piede, e diventa, oltre che moglie e madre delle sue figlie, manager di Roger, sostenendolo nella sua sfolgorante carriera.

A proposito di Federer: anche Grigor Dimitrov, il tennista bulgaro considerato il suo “erede”, può vantare un fidanzamento  “sul campo”: tre anni d’amore con  la statuaria Maria Sharapova, famosa non solo per le sue doti tennistiche, ma anche per quelle amatorie non esattamente “da urlo”, a detta del suo ex, la popstar Adam Levine (che sì, in seguito ha fatto ammenda pubblicamente per quest’uscita poco elegante).

LEGGI ANCHE Le mete family friendly per la vacanza con bambini

E a proposito di uscite imbarazzanti: nella finale di Wimbledon nel giugno del 2011 Judy Murray, madre-coach del tennista Andy, ha fatto impazzire i tabloid “twittando” con il bel tennista spagnolo Feliciano Lopez, avversario del figlio. Per la prima volta la si è vista più presente alle partite di Feliciano, da lei battezzato “Deliciano” (da “delicious”, delizioso), che sui campi in cui giocava il suo Andy. Il quale, continuamente martellato dai giornalisti sul tema, dichiarò: “Sarebbe ora che mia madre la smettesse con questa storia insensata. Mi fa venir voglia di vomitare. È una cosa disgustosa, sì, disgustosa”. Abbiamo il sospetto che in realtà se la ridesse sotto i baffi,  assieme al suo amico “Deliciano”. Sportivi prima di tutto.

Nipoti in vacanza con i nonni: i benefici

Chi ride, chi piange… e poi si consola: è il caso di Tomas Berdych, che rompe con la collega Lucie Safarova dopo nove anni d’amore, e “si consola” con la supermodella Ester Satorova. E della nostra Flavia Pennetta, uscita devastata nel 2007 dal rapporto con Carlos Moya, che la lascia “senza fidanzato, senza casa, senza sogni e senza progetti”. Ma che, terminata l’elaborazione del lutto, racconta allegramente alla trasmissione Le Iene le sue notti selvagge con l’ex durante i tornei in giro per il mondo e, a domanda impertinente sui suoi gusti da single, risponde che “una bottarella a Safin“…

Oggi Flavia, archiviate racchetta e notti bollenti mordi-e-fuggi, è felicemente sposata con il collega Fabio Fognini: una storia nata come flirt “extraconiugale” (ai tempi erano entrambi fidanzati con altri) e sfociata in un matrimonio assolutamente romantico. Di qualche giorno fa la notizia della nascita del loro bambino.

Anche qui, insomma, un po’ si palleggia, un po’ si fa dannatamente sul serio, quando in gioco c’è la coppa dell’amore.

 

Elisa Pordon

 

Leggi anche:

Lato B alla Jenn Morel

Betta Carbone: lo sport per allenare i ragazzi alla vita

 

 

 



Elisa Pordon

Da circa 20 anni mi occupo di comunicazione ma non mi sono mancate esperienze sporadiche come impiegata catatonica, barista filosofa, PR allo sbaraglio. Il mio grande amore è la scrittura creativa, ma ho trovato nel web copywriting una nuova, appassionante sfida. Sono brava con le parole, ma da sempre le addomestico per produrre fatti, esaminando con cura il contesto e adottando, di volta in volta, la logica più efficace.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *