Zoofilia erotica: sesso e animali

  1. Homepage
  2. Professionisti della coppia
  3. Psicologo
  4. dott.ssa Antonella Besa
  5. Zoofilia erotica: sesso e animali
Zoofilia erotica: sesso e animali

Zoofilia erotica: sesso e animali

Cos'è la zoofilia? Con il termine zoofilia erotica, bestialismo o, più tecnicamente, zooerastia si designa la pratica parafiliaca umana di accoppiarsi o avere rapporti sessuali con animali. Nel linguaggio comune lo stesso significato viene attribuito alla parola zoofilia senza ulteriore specificazione, per assonanza con le altre parafilie (Wikipedia). Secondo il DSM V (il manuale diagnostico dei disturbi mentali) la zoofilia viene classificata, all'interno del macro-gruppo dei disturbi sessuali, come "Disturbo parafilico con altra specificazione" con focus erotico su scopi non umani. L'età di insorgenza del disturbo zoofilico è stata stimata intorno ai 17 anni, ed in genere ha un decorso progressivo e cronico.

Dominazione e sottomissione


La zoofilia è sempre esistita, ne sono prova alcuni esempi di pittura rupestre (15.000/20.000 a. C.) in cui sono raffigurate scene con riferimenti di stampo zoofilico. Anche in alcune tombe dell'antico Egitto sono state trovate delle raffigurazioni in cui ci sono dei contatti orali, anali e genitali fra umani e capre. Le fantasie ed i comportamenti che coinvolgono sessualità ed animali sono svariati e sono stati oggetto di classificazioni, già lo psichiatra tedesco Krafft-Eibling nel 1886 ha distinto 3 forme di zoofilia:

  • Bestialità. L'individuo agisce un vero e proprio stupro dell'animale

  • Zooerastia. L'atto sessuale verso gli animali può avere un'origine di tipo patologico, come ad esempio "una grave tara ereditaria, nevrosi costituzionale, impotenza nel tentativo di coito con una donna, natura impulsiva, coatta, dell'esecuzione dell'atto contro natura" (Krafft-Eibling, 1866)

  • Zoofilia erotica. Tutti quei casi in cui gli animali esercitano un'azione afrodisiaca, ossia un'eccitazione, su un individuo.


 

La classificazione della zoofilia

Nel 2011 Aggrawal, psichiatra indiano, ha proposto una interessante classificazione della zoofilia in 10 classi:

  1. Role player zoofilico (giochi di ruolo): l'individuo si diverte a fare sesso con altre persone fingendo di essere un animale. Di solito le persone si travestono da animali, in gergo queste persone sono definite "furry" e gli animali più raffigurati sono orsi, panda, tigri, conigli etc…

  2. Zoofilia romantica: l'individuo acquista o possiede un animale domestico per stimolazioni psicosessuali. L'individuo non si impegna in attività prettamente sessuale con l'animale.

  3. Fantasticherie zoofiliche: la persona si concede di fantasticare sulla possibilità di avere un rapporto con gli animali, senza però metterlo in atto realmente. Al massimo viene praticato autoerotismo in presenza di un animale.

  4. Zoofilia tattile: l'individuo accarezza parti erotiche del corpo dell'animale come genitali, ano e regione perianale, con l'obiettivo di raggiungere l'orgasmo. Oppure si possono strusciare i propri genitali sul corpo dell'animale.

  5. Zoofilia feticistica: l'individuo accoppia sia tratti zoofilici che feticisti e quindi ha la tendenza a conservare parti del corpo dell'animale, come ad esempio la pelliccia. Il feticcio viene utilizzato praticando autoerotismo.

  6. Bestialità sadica: l'individuo prova piacere erotico-sessuale nel metter in atto attività sadiche nei confronti degli animali, come ad esempio la tortura.

  7. Opportunismo zoofilico: l'individuo attua comportamenti erotico-sessuali verso gli animali quando la sessualità con esseri umani consenzienti non è possibile.

  8. Zoofilia di tipo regolare: l'individuo preferisce avere rapporti sessuali con gli animali invece che con gli esseri umani (che non sono piacevoli e gratificanti)

  9. Omicidio zoofilico: l'individuo focalizza la propria eccitazione erotico-sessuale nell'uccidere l'animale.

  10. Zoofilia di tipo esclusivo: l'individuo si impegna a vivere una sessualità esclusivamente con gli animali, escludendo del tutto il contatto e l'intimità con partner umani.


La classificazione di Aggrawal dà un ampio spettro di comportamenti che coinvolgono a vario titolo sessualità e animali, ma solo l'8° ed il 10° rientrano nella classificazione di disturbo parafilico secondo i criteri del DSM V.

LEGGI ANCHE Fabrizio Quattrini: gli italiani, il sesso e i tabù


Legislazione e zoofilia

In Italia avere rapporti sessuali con gli animali è vietato. Nel nostro paese questo tipo di atti configurano il reato di "maltrattamenti su animali", punito dall'articolo 544-ter del codice penale, e la Corte di Cassazione si è comunque pronunciata in merito, condannando per il reato di maltrattamento un allevatore che costringeva i suoi cani ad avere rapporti sessuali con alcune donne (sentenza n.5979/2012). In Italia però non è punibile la detenzione di materiale zoopornografico, come accade per il materiale pedopornografico. Gli stati con la legislazione sulla zoofilia più rigida in Europa sono Regno Unito, Svizzera, Norvegia e Paesi Bassi. In questi paesi non solo è vietato avere rapporti sessuali con animali, ma anche vendere e possedere pornografia che mostri scene di zoofilia.

Il sito tedesco Zeta-Verein, legato a un'associazione che promuove "tolleranza e chiarezza sulla zoofilia", ha pubblicato una mappa che mostra come è regolato il fenomeno nel mondo e assegna a ogni paese un "indice di tolleranza" riguardo alla zoofilia. I paesi rossi sono quelli col minore indice di tolleranza sulla zoofilia, quelli verdi hanno invece un indice di tolleranza più alto (come ad esempio il Brasile).



Secondo stime del 2010 dell'AIDAA (Associazione italiana per la difesa degli animali e dell'ambiente) In Italia in Italia una persona su mille ha fatto sesso con animali o comunque ha svolto attività che comprendono atti sessuali con animali. i siti porno a tematica animale sono 8.810: offrono materiale di ogni genere, tra cui anche un servizio di annunci di privati proponenti il noleggio del loro animale, per qualche ora di sesso, rigorosamente a pagamento. Il giro d’affari di questo tipo di realtà si aggira sui venti milioni di euro all'anno, coinvolgendo circa 60mila persone.

 

(Fonte: "Parafilie e devianza. Psicologia e psicopatologia del comportamento sessuale atipico" del dott. Fabrizio Quattrini)

 

dott.ssa Antonella Besa

 

Se desideri che la dott.ssa Antonella Besa risponda a delle tue domande o ti chiarisca dei dubbi, compila il seguente form (il tuo messaggio non verrà visualizzato online). Riceverai in breve tempo una risposta in privato.



 

Leggi anche:

Cosa ti aspetti dal sesso?


Sesso a tre
Author Avatar

About Author

Psicologa, Psicoterapeuta e Sessuologa. Per lavoro mi occupo di problematiche della coppia nel mio studio a Pordenone (Studio di Psicologia e Sessuologia Dott.ssa. Antonella Besa). Per Noi2 Magazine mi occupo di fare cultura e informazione sull'universo coppia.

1 Comment

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.