L’amore a prima vista esiste

  1. Homepage
  2. Professionisti della coppia
  3. Psicologo
  4. dott.ssa Evgenia Gasteratou
  5. L'amore a prima vista esiste
L’amore a prima vista esiste

L’amore a prima vista esiste

Il mito dell'amore a prima vista

Nell'antica Grecia l'amore a prima vista veniva celebrato e veniva chiamato la "follia degli dei", suo esecutore era Eros, il dio dell'amore, che scagliava con il suo arco una freccia e faceva innamorare inesorabilmente una persona di un'altra.

Via via nei vari secoli, il colpo di fulmine che provoca una sentimento di stordimento e fascinazione verso un'altra persona (e che fra l'altro non è detto che sia reciproco) è stato benedetto e maledetto allo stesso tempo, è una specie di droga che non lascia scampo. Al giorno d'oggi la scienza della psicologia definisce l'innamoramento come un intenso desiderio interiore di una unione emotiva con un'altra persona.

Il colpo di fulmine esiste o no?

Molti di noi si chiedono se l'amore a prima vista esiste o se è un mito e se, nel caso esistesse, quanto dobbiamo fidarci di questa sensazione.

Chiariamo ogni dubbio: l'amore a prima vista esiste ed è involontario, succede quando meno te lo aspetti. Il colpo di fulmine è l'attrazione fisica sentita tra due persone senza una loro conoscenza o una familiarità precedente. Gli viene assegnata la proprietà di "magico" per il modo libero in cui fa sentire le persone e perché viene vissuto come bisogno di intimità, anche attraverso la via sessuale, senza che vengano prima rispettate le condizioni e i criteri sociali (conoscenza, intimità, ecc).

Un giorno all'improvviso


L'amore a prima vista non è affatto una scelta frivola e non è né casuale, né cosi libera come sembra. Non è il prodotto di un assoluto e libero arbitrio, ma nemmeno di un processo istintivo chiaro. La scelta del partner è un complesso negoziato interno che segue percorsi complessi in base a parametri cognitivi e psichici per lo più sconosciuti. Più in particolare, nelle vie subliminali dell'amore, il nostro cervello "legge/interpreta" e viene guidato da mappe subconscie. Queste mappe orientano e dirigono specifici comportamenti e scelte. È la scintilla che fa scattare una profonda famigliarità tra un'immagine, in parte consapevole e in parte inconscia, e la persona che si innamora a prima vista: è colui o colei che esprime i nostri desideri più esigenti, i desideri che fanno parte dei nostri sogni profondi.

Colpo di fulmine e fisiologia

Secondo le indagini scientifiche, l'attrazione iniziale tra due persone deriva in percentuale differente da alcuni parametri legati al comportamento sessuale:

  • 55% dal linguaggio del corpo

  • 38% dal tono della voce

  • 7% dal contenuto della discussione


L'irresistibile attrazione verso una persona sconosciuta deriva, secondo i ricercatori del Trinity University of Ireland, dalla parte anteriore del cervello. Diverse aree della corteccia prefrontale mediale - che si trova nella parte anteriore del cervello - sono responsabili del colpo di fulmine e di quell'attrazione naturale che può, in pochi millisecondi, indicare il partner "ideale". I sentimenti d'amore si creano, secondo i ricercatori della University of Chicago degli Stati Uniti, quando la nostra attenzione si focalizza sul volto della persona incontrata, e non sul corpo. Porre lo sguardo sul corpo della persona sconosciuta invece, implica un desiderio sessuale. Così l'attrazione sessuale, che non viene espressa verbalmente, viene tradita dagli occhi: come risultato del nervosismo e dell'eccitazione, le pupille degli occhi si dilatano e crescono in dimensione.

Secondo la ricerca della University of Syracuse negli Stati Uniti, il colpo di fulmine è una questione che dura appena 0,2 secondi dopo il primo contatto visivo con la persona sconosciuta. Si attivano 12 punti diversi del cervello, che a loro volta producono il rilascio di una serie di sostanze chimiche che inducono euforia. Quando l'amore fa goal, enormi quantità di dopamina, ossitocina, adrenalina, vasopressina, che causano il benessere, l'eccitazione e il piacere interno, vengono secrete e dirigono la nostra attenzione verso l'oggetto del desiderio. Questo tipo di situazione è simile a quella che in modo artificiale viene indotta dall'utilizzo della cocaina.

Le teorie scientifiche suggeriscono che l'irresistibile desiderio viene stimolato da processi biochimici segnalando che l'oggetto del desiderio è materiale genetico compatibile, il che significa più possibilità di riproduzione.

Colpo di fulmine a distanza


Allo stesso tempo, l'attrazione sessuale che consegue il colpo di fulmine, crea un aumento del flusso sanguigno e il rilascio di ormoni - specificamente della norepinefrina e dell'adrenalina - che sono responsabili della tachicardia, delle mani sudate e della sensazione di eccitazione. La sensazione delle farfalle allo stomaco non appartiene al regno della fantasia dell'innamorato, ma nella realtà! Questa sensazione deriva dalla secrezione di ossitocina, che crea anche una sensazione di gioia e di euforia.

Allora è proprio vero: l'amore a prima vista esiste, ha una funzione biologica e fa "impazzire" il nostro organismo, non è però sinonimo di longevità della relazione, solo una coppia su dieci che si è innamorata a prima vista è durata nel tempo.

Bando ai ragionamenti a lungo termine, se non vogliamo farci sfuggire questo cocktail di emozioni magiche ed intense … CARPE DIEM…

 

Evgenia Gasteratou

Se desideri che la dott.ssa Evgenia Gasteratou risponda a delle tue domande o ti chiarisca dei dubbi, compila il seguente form (il tuo messaggio non verrà visualizzato online). Riceverai in breve tempo una risposta in privato.



 

Leggi anche:

Sessualità infantile e indizi di abuso


Sessualità infantile e senso d'identità


 

 

 

 
Author Avatar

About Author

Nata ad Atene nel 1973, si laurea in Psicologia nel 2002. E’ psicoterapeuta dal 2009 con specializzazione in Psicoterapia Sistemica, Famigliare e Relazionale, Consulente sessuale ed Esperto in educazione sessuale. Ha partecipato a numerosi corsi di formazione in ambito clinico. Ha lavorato in Italia e all'estero principalmente nell'ambito dell’età evolutiva e della psicologia dell’invecchiamento. Iscritta all'albo dei Psicologi F.V.G. dal 2005. Attualmente vive e lavora a Udine come psicoterapeuta esercitando la libera professione.

1 Comment

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.