IL PRIMO MAGAZINE SULLA VITA DI COPPIA. SFUMATURE DI NOI2

 

Cibi tipici dell’autunno: ricarica d’energia

Ecco, ci siamo, anche quest’anno è arrivato l’autunno. Le giornate si accorciano, le temperature si abbassano, la routine ricomincia e riorganizzare gli impegni famigliare comincia a far salire lo stress. Tutto ciò non fa altro che indebolire le nostre difese e ci espone a più facili raffreddamenti ed  influenze. Ancora una volta però Madre Natura ci viene in aiuto e ci fornisce gli alimenti necessari a ricaricarsi e a difenderci dal cambio stagionale. Vediamo insieme caratteristiche e proprietà di questi alimenti alleati della nostra salute.

Partiamo dalle verdure per poi passare ai frutti.

La zucca è un ortaggio molto gradito per il suo gusto dolce e versatile in cucina. Al contrario di quanto si crede possiede poche calorie (meno di 20 per 100g). Il suo colore arancione indica la presenza di carotenoidi soprattutto di beta-carotene utile per la sua azione antiossidante. Contrasta l’invecchiamento cellulare limitando l’azione dei radicali liberi responsabili della loro degenerazione.  La sua morbida consistenza svolge un’azione lenitiva sulle mucose e può essere un alimento alleato per coloro che in questo periodo sono particolarmente sensibili a disturbi gastrici e difficoltà digestive. Non solo: la zucca è preziosa anche per i suoi semi che contengono fibre, proteine ed acidi grassi sani che contribuiscono alla salute del nostro sistema cardiovascolare. Infine è ricca di minerali quali potassio, selenio e magnesio un minerale noto per le sue proprietà benefiche sia per le nostre ossa, sia per calmare gli stati di irritabilità e stanchezza.

Il radicchio rosso è un alimento dal gusto amaro che svolge un’azione depurativa e digestiva. Consumato cotto o crudo dona gusto al nostro piatto e lo arricchisce di qualità tra le quali quella di aiutarci a favorire il riposo notturno grazie al ricco contenuto in minerali. Il radicchio è un’ottima fonte di vitamine e fibre utili per aiutare il transito intestinale.

Acne: combatterla con un’alimentazione sana

Anche se sono un alimento disponibile tutto l’anno, i porri crescono principalmente in autunno ed in primavera. Sono ortaggi appartenenti alla stessa famiglia delle cipolle e ne condividono le caratteristiche antitumorali, disinfettanti e rafforzano le difese immunitarie. Il loro alto contenuto in fibre ne fa degli ottimi prebiotici alleati della salute del nostro intestino.

Il carciofo è famoso per le sue proprietà depurative per il nostro fegato. La cinarina in esso contenuta favorisce l’espulsione della bile e l’eliminazione delle sostanze tossiche per il nostro organismo. Il suo consumo aiuta a contrastare disturbi come il meteorismo e la bocca amara.

Alla famiglia delle crucifere appartengono i broccoli, i cavoli, cavolfiori, cavolo cappuccio, cavoletti di Bruxelles e la verza. La loro proprietà principale è quella di essere degli ottimi alleati per le nostre difese. Sono ricchi di vitamina K e volgono un’azione antibatterica, antivirale e di prevenzione nei confronti dei tumori; se mangiati crudi sono anche un’importante fonte di vitamina C.

Anche i funghi sono un tipico cibo autunnale. La loro principale caratteristica è quella di contenere vitamine del gruppo B che garantiscono un’azione energizzante. Sono ricchi di selenio e minerali che aiutano i nostri globuli bianchi a mantenere attive le nostre difese, a regolare il funzionamento della tiroide e a prevenire la caduta dei capelli tipica dei cambi stagionali.

Tra i frutti tipicamente autunnali troviamo il melograno. Questo bellissimo frutto autunnale ci regala una ricarica di antiossidanti, vitamine e sali minerali. I suoi chicchi possono essere mangiati interi oppure spremuti per farne una bevanda dissetante e diuretica. Contengono moltissimi polifenoli dalle proprietà antiossidanti e rivitalizzanti.

I kiwi sono un frutto noto per il suo alto contenuto in vitamina C utile per affrontare i primi sbalzi di temperatura, la loro caratteristica azione lassativa è dovuta all’apporto di fibre e dei classici semini neri che però ne impediscono il consumo da parte di coloro che soffrono di diverticoli o di colon irritabile. I minerali potassio, magnesio, sodio e fosforo posso risultare utili per contrastare stanchezza e stress tipici dei cambi stagionali.

Pere e mele sono i frutti principalmente consumati in questa stagione. Sono ricchi di minerali e molecole antiossidanti. Le pere sono inoltre una buona fonte di boro un ottimo alleato per la salute delle nostre ossa, le mele invece contengono pectina, una fibra della buccia che aiuta a controllare i livelli di glucosio e colesterolo nel sangue.

I cachi, le castagne e  l’uva oltre a condividere le stesse caratteristiche degli altri frutti  sono noti per le loro caratteristiche energizzanti dovute all’apporto calorico piuttosto elevato a causa degli zuccheri in esso contenuti. Ricordiamo che i cachi hanno una funzione drenante e diuretica, mentre le castagne sono ricche di vitamine ed amidi facilmente digeribili.

Approfittiamo, dunque, di quanto detto per riempire il carrello della spesa con questi alimenti ed usufruire della natura per affrontare con vitalità e buon umore il cambio stagionale. Solo variando spesso ciò che portiamo sulle nostre tavole ci garantiremo un buon apporto di nutrienti per poterci mantenere in salute durante tutto l’inverno.

 

dott.ssa Sara Bortolozzo

Se desideri che la dott.ssa Sara Bortolozzo risponda a delle tue domande o ti chiarisca dei dubbi, compila il seguente form (il tuo messaggio non verrà visualizzato online). Riceverai in breve tempo una risposta in privato.

Leggi anche:

Le proprietà benefiche del cioccolato sulla coppia

Zenzero: aiuta impotenza e fertilità

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *