Ansia da regalo? Colpisce più gli uomini…ecco il perchè!

  1. Homepage
  2. Professionisti della coppia
  3. Psicologo
  4. dott.ssa Giulia Parise
  5. Ansia da regalo? Colpisce più gli uomini...ecco il perchè!
Ansia da regalo? Colpisce più gli uomini…ecco il perchè!

Ansia da regalo? Colpisce più gli uomini…ecco il perchè!

Se per alcuni il periodo natalizio significa vacanze, relax, ritrovo con i propri cari, per altre è un momento di forte stress e tensione. Una delle preoccupazioni maggiori di questo periodo riguarda i regali di natale. L'ansia da regalo è una sensazione ben distribuita nell'arco dell'anno, che si accentua a ridosso del compleanno della persona amata e ha il suo picco nel periodo natalizio. Non è altro che un'altra faccia dell'ansia da prestazione e sono molteplici i fattori che la causano:

  • la paura di non rispondere alle aspettative dell'altra persona

  • i pochi soldi a disposizione

  • il non sapere a chi fare/a chi non fare il regalo

  • la mancanza di tempo, il prendersi all'ultimo (capita al 67% delle persone) a causa di vari impegni di lavoro: non si trova il regalo che si cerca e si finisce per prendere la prima cosa che capita

  • il timore di non riuscire a trovare il regalo perfetto (il 54% dei partner)

  • il fastidio bloccati in code infinite alle casse (l'87% delle persone tra quelle che si prendono all'ultimo) o in posti eccessivamente affollati

  • la persona a cui si dovrebbe fare il regalo è estremamente critica e giudicante.


Insomma, l'ansia da regalo racchiude molteplici preoccupazioni, che riguardano la sfera sociale- relazionale (soddisferò i desideri di quella persona?), economica (avrò abbastanza soldi per soddisfare tutti?), organizzativa (troverò il tempo per riuscire ad acquistare i regali?), ossessiva (troverò il regalo perfetto?), "claustrofobica" (sopravviverò alle ore in coda ed alle troppe persone in spazi piccoli a loro volta preoccupate di tutte queste cose?). Questo frenetico consumismo fa si che si perda di vista l'obiettivo principale del regalo, ovvero far vedere all'altro che lo si ha pensato e che si è dedicato a lui del tempo.

Chi sono i più colpiti? Perchè?

Cosa cercano gli uomini in una donna?


Secondo un'indagine di Found, gli uomini nella fascia di età tra i 30-40 anni del Nord sono particolarmente soggetti a questo tipo di ansia, in quanto nell'80% dei casi non sanno cosa scegliere. Questo probabilmente perché è meno abituato a comunicare l'affetto anche attraverso i doni. Per l'uomo, infatti, il concetto di regalo è più legato al soddisfare delle necessità della vita quotidiana (come aggiustare qualcosa, risolvere degli aspetti burocratici, tecnici, etc). È, inoltre, meno attento all'aspetto estetico e fisico e quindi a delle esigenze materiali in tal senso. Per questo motivo, si trova fortemente in difficoltà nel momento in cui deve scegliere un regalo, entrando nel circolo vizioso dell'ansia precedentemente menzionato e disattendendo le aspettative della partner.

In più, negli ultimi anni, si è vista una parabola ascendente della figura della donna, nella sua autostima e nel suo desiderio di sentirsi felice ed appagata. Questo fattore ha seriamente compromesso il ruolo dell'uomo, che si ritrova a non comprendere come mai i regali fatti fino a poco tempo fa potessero andare benissimo e fossero accettati con grandi sorrisi (anche davanti a ferri da stiro, grembiuli e batterie di pentole), mentre ora si pretende da lui la ricercatezza, la capacità di intuizione, la comprensione dei bisogni più taciuti e soprattutto, l'effetto sorpresa. Chi non sarebbe spiazzato davanti a tutto ciò?

Senza contare l'effetto devastante che ha oggi la ricerca dei regali per i propri figli: c'è proprio da inserire nella lista di ciò che si vorrebbe da Babbo Natale anche una terapia dallo psicologo solo per superare le feste.

In generale, dopo una giornata passata a cercare i regali per i propri cari, gli italiani dichiarano di sentirsi stanchi (67%), ansiosi (64%) e depressi (21%).

Secondo una ricerca proposta dal Gottlieb Memorial Hospital in Illinois l'ansia da regalo ha una maggiore incidenza nei soggetti che sono già in partenza stressati da problemi familiari, lavorativi o sentimentali. Chiamano questo disagio emotivo "Christmas Effect", che ha come conseguenza un aumento del 20% di richieste di consulto specialistico per essere aiutati ad affrontare al meglio il periodo natalizio.

Come affrontarla?

Ecco alcuni consigli per affrontare l'ansia da regalo:

  • cercare di pianificare quanto prima possibile i regali da fare, acquistandoli e tenendoli da parte per il periodo natalizio (anche se si comprano ad agosto i regali, non è mica un problema!). Può essere utile, inoltre, farsi una lista di persone a cui si vorrebbe fare il regalo;

    Quale regalo per il mio partner?

  • ricordarsi che il regalo perfetto non esiste e che ridimensionare le proprie aspettative può aiutare a vivere più serenamente questo momento dell’anno. In fin dei conti, non si sta parlando di vita o di morte!

  • informarsi: chiedere alla persona diretta interessata o al partner o a degli amici, se ci fosse qualcosa che le può servire o che desidererebbe, può essere una strategia utile per non vagare nel buio più totale;

  • acquistate un regalo che si può cambiare, così da essere certi che la persona possa tornarlo nel caso in cui non vada bene per qualche motivo;

  • se il problema sono le code ed il troppo affollamento, si può pensare di ordinare i regali online, comodamente da casa;

  • nel caso in cui la sintomatologia sia particolarmente invalidante, si può pensare di delegare ad un partner o ad un familiare la scelta del regalo o dichiarare anticipatamente che non si vuole nessun regalo e che quindi non si regalerà nulla.


 

dott.ssa Giulia Parise

 

Leggi anche:

Il regalo giusto per il palestrato


Il Natale si fa hot
Author Avatar

About Author

Mi sono laureata in Psicologia Clinica a Padova nel 2014, attualmente mi occupo di ricerca ed informazione su tematiche inerenti ai Death Studies, lutto e fine vita. Nel mio lavoro cerco di conciliare la scientificità propria della formazione con la potenzialità espressiva e creativa dell'arte, con lo scopo di favorire l'elaborazione di un pensiero critico e professionale.

Add Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.