IL MAGAZINE SUL CICLO DI VITA DELLA COPPIA

 

Piacere: basta il pensiero? Sex toys pour homme

Dimenticate bambole gonfiabili e affini, più adatti a momenti goliardici che ad accrescere il piacere di un rapporto sessuale: da un po’ di tempo, anche per lui esistono numerosi gadget pensati per rendere l’intimità più soddisfacente e, perché no, varia e divertente. Niente carnevalate, ma oggetti tecnologici e di design, perché il piacere è una cosa serissima. Natale è alle porte: basta col solito profumo! Ecco una rapida carrellata da cui trarre qualche spunto:

Per lui e lei

Il Natale si fa hot

Ok, niente profumi… ma bisogna dire che l’anello, classico dei classici, fa sempre un certo effetto.
Se è fallico ancora di più. L’anello fallico o cockring“, in silicone flessibile ed elastico, serve a  concentrare il flusso sanguigno nel pene dopo il raggiungimento dell’erezione. In varie forme, dimensioni e materiali, aumenta la potenza e la durata della prestazione. Se in versione vibrante, poi, trasforma il pene in un realistico vibratore (paradossale sì, ma non poniamo limiti alla fantasia) in grado di stimolare esternamente il clitoride della partner. Per variare l’intensità della stimolazione si può intervenire sulla temperatura, passando l’anello sotto l’acqua fredda oppure calda. Benvenuta fantasia, addio défaillance.

Men only

Le “torce” Fleshlight , nate in Texas a fine anni Novanta da un’intuizione di Steve Shubin, sono una sorta di “vagina in barattolo” (o altro orifizio, a seconda dei gusti) che ha reso la masturbazione maschile un’esperienza molto vicina a un vero e proprio rapporto sessuale. La fedeltà della riproduzione della parte anatomica prescelta, associata alla cura dei materiali, hanno reso Fleshlight un oggetto leggendario in tutto il mondo.

Il papà di Tenga, il più noto marchio di masturbatori del globo, è un meccanico giapponese, Koichi Matsumoto, mentre a dirigere l’azienda c’è quello che si potrebbe definire il suo miglior testimonial, il “campione del mondo di masturbazione” Masanobu Sato. In giapponese l’aggettivo “tenga” indica comunemente qualcosa di “elegante e composto“, ed è proprio questa la vocazione del brand: produrre sì oggetto d’intrattenimento, ma di qualità ineccepibile e dall’estetica accattivante. Ogni riferimento sessuale esplicito è stato volutamente evitato, in modo da creare accessori innovativi, funzionali e di design. Mai più senza, insomma.

Il piacere maschile

Il nome Cobra Libre  è già di per sé evocativo: somiglia a una moto, fa pensare a cocktail, ma in realtà è un vibratore (solo per lui) che dà un’impennata all’autoerotismo, sfruttando due motori vibranti  – molto discreti – e una struttura ergonomica in morbido silicone che asseconda al meglio l’anatomia maschile.

Masturbatore elettrico altamente tecnologico, PIU interagisce con i film erotici tramite l’app dedicata, attivandosi non appena inizia la riproduzione del contenuto video. Grazie alla tecnologia Bluethoot 4.0, PIU offre un’esperienza erotica sincronizzata con ciò che passano PC, Tablet e Smartphone, mettendo a disposizione dell’utente una vasta videoteca  – personalizzabile caricando propri contenuti – di film erotici. Nel momento in cui inizia lo spettacolo, anche il masturbatore si avvia, offrendo 30 diverse modalità di vibrazione, regolabili manualmente con i tasti situati nella parte anteriore del congegno. Esercitando una pressione sull’imboccatura di PIU, si possono intensificare le sensazioni. Un’esperienza totalizzante e multisensoriale per amanti dell’hi-tech.

Per ultimo, un oggettino che probabilmente scandalizzerà il maschio occidentale tutto d’un pezzo, tendenzialmente omofobico, ma molto apprezzato nella cultura orientale: il massaggiatore prostatico. Studiato per stimolare il perineo, zona compresa tra la base dei testicoli e l’ano detta anche punto P (corrispettivo dell’arcinoto punto G), garantisce un piacere molto intenso, oltre ad influire positivamente – pare – su una serie di aspetti legati alla sessualità. Da utilizzare con una certa accortezza se neofiti, sembrerebbe quindi uno strumento non solo di piacere ma anche di benessere psicofisico. Provare per credere?

 

Elisa Pordon

 

Leggi anche:

Sogni a luci rosse

I ruoli nella coppia, tra stereotipi e tabu

 



Elisa Pordon

Da circa 20 anni mi occupo di comunicazione ma non mi sono mancate esperienze sporadiche come impiegata catatonica, barista filosofa, PR allo sbaraglio. Il mio grande amore è la scrittura creativa, ma ho trovato nel web copywriting una nuova, appassionante sfida. Sono brava con le parole, ma da sempre le addomestico per produrre fatti, esaminando con cura il contesto e adottando, di volta in volta, la logica più efficace.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *